José Mourinho, nuovo allenatore della Roma @Image Sport
in

11 anni dopo, il ritorno di Mourinho: Roma sogna

Dopo 11 anni l’Italia riaccoglie Josè Mourinho: il portoghese è il nuovo allenatore della Roma, prenderà il posto di Paulo Fonseca a partire dalla prossima stagione

L’Italia riabbraccia Mourinho

Tu chiamale se vuoi coincidenze, non ce ne voglia il Maestro Battisti, anche se le sue erano emozioni, ma a pochi giorni dalla vittoria dello scudetto dell’Inter l’Italia riabbraccia Josè Mourinho. L’ultimo scudetto nerazzurro portava la firma del portoghese che, dopo l’esonero al Tottenham di qualche settimana fa, ha scelto la sponda giallorossa della Capitale, per scrivere un nuovo capitolo della sua avvincente carriera.

4 maggio 2021, non sono trascorsi nemmeno pochi giorni dalla debacle contro lo United, eppure i Friedkin guardano al futuro e ufficializzano le prime decisioni importanti che potrebbero dare finalmente inizio al nuovo progetto giallorosso. Nel sogno americano non c’è più spazio per Paulo Fonseca, il tecnico portoghese ha condotto la squadra ad una storica semifinale europea, eguagliando l’impresa di Di Francesco del 2018, anche se la competizione è “leggermente diversa“, ma gli errori commessi all’Old Trafford sono il frutto di quei limiti che l’allenatore e la squadra hanno palesato nell’intera stagione.

Mourinho alla Roma: il ritorno dello Special One

Dopo 11 lunghi anni l’Italia riabbraccia Josè Mourinho. Lo Special One siederà sulla panchina della Roma a partire dalla prossima stagione e sostituirà il connazionale Paulo Fonseca: da acerrimo nemico, nel 2010 soffiò lo scudetto ai giallorossi con l’Inter del Triplete, a gladiatore. Nelle ultime ore Sarri sembrava il principale indiziato e invece come un fulmine a ciel sereno, in silenzio, sotto traccia, insomma in perfetto stile Friedkin, è arrivato l’annuncio di uno degli allenatori più vincenti della storia del calcio.

Nuova delusione, visti i recenti risultati al timone del Tottenham, o ennesima impresa? Non ci sarebbe da stupirsi se lo Special One dovesse ripetersi, i successi europei con Porto e Inter basterebbero a giustificare le doti dell’allenatore lusitano, ma forse potremmo assistere a qualcosa di imponderabile, sarebbe la ciliegina sulla torta, l’apice della carriera di Mourinho.

Indipendentemente da come andrà Roma aveva bisogno di una boccata d’ossigeno, i tifosi ne avevano bisogno, visto che l’ultimo trofeo è datato 17 maggio 2007. Anche in quel caso si trattava di Roma-Inter e torniamo nuovamente al discorso del destino e delle coincidenze perchè il prossimo anno i nerazzurri avranno lo scudetto cucito sul petto e chissà che non sia proprio un vecchio amico a scombinare i piani di Antonio Conte.

Nahitan Nandez, centrocampista del Cagliari

Calciomercato Inter, sfida alla Roma per Nandez

Dan e Ryan Friedkin, nuovi proprietari della Roma @imagephotoagency

Roma, nasce la squadra di Mourinho: ecco il nuovo progetto