in

A Roma “mai ‘na gioia” e Smalling se la guarda in tv

Chris Smalling, difensore della Roma
Chris Smalling, difensore del Manchester United

Una Roma senza Smalling: a Benevento il rischio è la critica giallorossa

A Roma mai ‘na gioia, neanche quando tutto riflette malamente il desiderio della piazza, quella vogliosa di ripartire dalle macerie americane di sangue “Pallottiano” e poi quel calciomercato che a sentenza dica cose immemore ma vincenti. Ed è questo il caso del ritorno nella Capitale del Chris Smalling capitano (invocato dalla piazza), ma che deve accontentarsi del Dzeko fallimentare targato 2020, ma si, anche 2021. Quello che oggi brindava con Ronaldo, magari in esilio, chi lo sà.

Ed il rilancio che porta Benevento nella Capitale, quella Roma deludente e fracassata, quella Roma avida di futuro e che dal futuro può solo ripartire anche se, badate bene, c’è l’impegno europeo a guastar festa, quello che settimana prossima potrà dare nuovo slancio anche se i colori restano giallorossi, non della casacca, bensì della coppa. La Roma vede il Benevento e pensa alla prima tra le meno grandi e lo farà senza l’uomo del mercato, l’unico a colorare le disobbedienze societarie: senza Smalling, adesso, è tutto più rischioso.

Si rischia la critica, la denuncia, di una sfortuna immeritata, di un nuovo polemismo cittadino di sangue color sole, di un calciomercato che ha disposto sentenze a poche ore dal gong e che adesso viene a mancare. Salvo facili poesie, Chris Smalling sarà la perla assente di una Roma tanto nuova (in uscita) priva di tutto e di tutti, salvo quei pochi reduci del furore vecchio stampo e che proclamerebbe una rosa assai rodata, Dzeko su tutti, e non me ne voglia il bosniaco.

Alla Juventus senza nuocere, ecco perché il Majoral di turno può reclamar spazio (magari ha anche ragione), e poi quel capitano che a Roma, dopo Totti e De Rossi, manca e mancherà, perché il più giovane numero 10 dal capello biondo è ancora troppo giovane per  tirare le redini del futuro; e ci si affiderà a colori di diversi tricolori, non certo italiani, per portare a supplizio la Roma di altri tempi. E intanto Smalling se la guarda in tv la gara del Benevento timoroso ma fiducioso. E, poi, che altro dire…a Roma mai ‘na gioia; ah, l’ho già detto?

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Alessandro Florenzi, difensore del Psg

Ligue 1, Nimes-Psg 0-4: Mbappè show, Florenzi ancora in gol

Serie B, il Brescia supera 3-0 il Lecce @imagephotoagency

Serie B, Brescia-Lecce 3-0: Diego Lopez asfalta Corini