in

Alessandro Melli in ESCLUSIVA “Milan, che errore Donnarumma. Mancini protagonista, su Buffon…”

Alessandro Melli, ex attaccante del Parma e del Milan, si racconta in ESCLUSIVA ai nostri microfoni, con una menzione al grande protagonista di Euro 2020 Gigio Donnarumma ed un calciatore eterno come Buffon

Alessandro Melli, attaccante del Parma
Alessandro Melli, attaccante del Parma

Vincitore con l’Italia Under-21 dell’Europeo 1992, l’ex attaccante del Parma e del Milan Alessandro Melli ha segnato un’epoca straordinaria del calcio nostrano. Nella sua carriera da calciatore conta anche due presenze con la nazionale maggiore: il 24 marzo 1993 in Italia-Malta finita 6-1 ed il 14 aprile dello stesso anno in Italia-Estonia terminata 2-0. Oggi è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per parlare del trionfo della Nazionale di Roberto Mancini negli Europei appena trascorsi.

Sullo stesso argomento
Inter, Oriali ai saluti: continuerà a lavorare con Mancini

Melli in ESCLUSIVA “Il ct dell’Italia Roberto Mancini ha cambiato la mentalità”

Salve Alessandro, chi è stato l’uomo copertina della vittoria dell’Italia agli Europei?

Direi che l’uomo più importante di questa vittoria è stato il nostro ct Roberto Mancini. Credo che abbia fatto un lavoro importante e straordinario, ha dimostrato davvero di essere un fuoriclasse”.

Cosa ha cambiato il ct Mancini rispetto al passato? Questa è una squadra che veniva da una debacle nel 2018 con la mancata qualificazione ai Mondiali…

La sensazione è che abbia cambiato proprio la mentalità, che abbia ridato sicurezza ad un gruppo che ovviamente, anche per via dei cattivi risultati aveva perso fiducia e che abbia dato un po’ di spensieratezza in un gruppo che veniva da un momento molto complicato. Mancini, inoltre è riuscito a liberare mentalmente i giocatori da questo peso e questa è stata una cosa importantissima”.

L’unico problema di questa Nazionale è che l’attacco segna poco, infatti ancora una volta Immobile non ha dimostrato appieno tutte le sue caratteristiche, nonostante nella Lazio sia uno dei bomber più prolifici del campionato italiano. Perché?

“Credo che sia una questione tattica, io vedo Immobile come un grandissimo contropiedista, mentre Mancini fa giocare la squadra in modo molto diverso rispetto al gioco che gli proponeva di fare Simone Inzaghi l’anno scorso alla Lazio e quindi le sue caratteristiche hanno parecchie difficoltà ad emergere in un contesto come quello della Nazionale. In tutto questo, comunque io penso che Ciro abbia fatto bene, ha dato il suo contributo, però in fase realizzativa ha fatto decisamente più fatica avendo meno spazi per attaccare la profondità”.

Ciro Immobile, attaccante dell'Italia e della Lazio @Image Sport
L’attaccante della Lazio e della Nazionale Italiana Ciro Immobile

Bernardeschi invece con Mancini ha dimostrato di essere un ottimo elemento. Secondo te con Allegri alla Juve potrebbe rilanciarsi o ha bisogno di cambiare aria? Si parla di uno scambio con l’Atalanta per Gosens.

“Per me è difficile dare un giudizio visto che non conosco personalmente Federico, la sensazione che ho da fuori è che abbia bisogno di cambiare aria. Questo è un mio giudizio però, non so quanto valga”.

Sullo stesso argomento
Milan, Maignan è pronto: obiettivo non far rimpiangere Donnarumma

L’ex difensore e campione del mondo con l’Italia nel 1982 Collovati lunedì ha detto che uno dei problemi della Nazionale nei prossimi anni sarà sostituire la fantastica coppia di difesa Chiellini-Bonucci. Ti trovi d’accordo con queste affermazioni? Ricordiamo che in panchina in questa spedizione c’era un certo Bastoni che ha fatto benissimo con l’Inter nella passata stagione.

“In parte queste affermazioni sono vere, però ho anche fiducia nelle qualità degli altri difensori italiani. Credo che il nostro calcio sia sempre all’avanguardia a discapito di quello che spesso viene descritto, per questo dico che non sarà facile sostituire Chiellini e Bonucci, ma credo che l’Italia, in futuro troverà soluzioni altrettanto valide”.

Secondo te l’Italia si può ripetere nel prossimo Mondiale nel 2022 in Qatar?

 “Penso di si, anche se logicamente sarà più difficile. Ha tutte le carte in regola per fare bene”.

C’è qualcosa che il ct dell’Inghilterra Southgate ha sbagliato oppure l’Italia è stata semplicemente più forte nella finalissima?

L’Inghilterra, devo dire che un po’ mi ha deluso, perché andando in vantaggio 1-0 al 2’ di gioco, con 60.000 persone che ti tifano, poteva gestire meglio la partita, magari facendo anche un po’ più di contropiedi per mettere sotto pressione l’Italia, invece non ci sono stati per nulla e questo è stato un grosso handicap. A ciò poi affianchiamo un altro errore del ct Southgate, un po’ più gestionale cioè quello di far entrare due ragazzi al 120’ per fargli battere il calcio di rigore. Credo sia stato un errore abbastanza grosso”.

Sullo stesso argomento
Italia, il "tiraggiro" di Insigne entra nel dizionario Treccani

Uno dei protagonisti della vittoria della nostra Nazionale è stato sicuramente l’ex Milan Gigio Donnarumma. Se fossi stato un dirigente dei rossoneri avresti fatto uno sforzo in più per trattenerlo a Milano o sei d’accordo con la linea intrapresa dai dirigenti Maldini e Massara?

Diciamo che a livello etico e morale sono molto dalla parte di Maldini e Massara, poi però devo dire che il calcio è fatto anche di aspetti economici ed il Milan ha perso tanto da questa situazione. Il calciatore infatti si trasferisce a parametro zero, il suo cartellino vale zero in questo momento, quando invece poteva valere tantissimi soldi a maggior ragione dopo la vittoria dell’Europeo. Questo sicuramente è stato un errore, però non mi sento di rimproverare nemmeno Maldini e Massara”.

Donnarumma, portiere della Nazionale
Donnarumma, portiere della Nazionale e del Psg para il rigore decisivo a Saka

Che idea ti sei fatto del ritorno di Buffon al Parma?

“Una bella idea, perché l’ho sentito. Mi è sembrato molto felice e contento di questa scelta e di conseguenza porterà nella squadra ducale spessore internazionale, qualità, leadership e carisma. Io penso che il Parma abbia fatto davvero un grande acquisto”.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *