Menu

Amami e basta, lady Dzeko lancia l'iniziativa

Alla Roma importa: Amami e basta, il calendario contro la violenza sulle donne

“Amami e basta” è il titolo del nuovo calendario a cura della Fondazione Roma Cares, che vede protagoniste le cosiddette Wags – wife and girlfriends, mogli e fidanzate dei calciatori della Roma – le quali, così come i loro mariti o fidanzati, hanno fatto squadra contro un avversario infido, estremamente forte e radicato nella società: la violenza sulle donne.

Il calendario sarà distribuito con la Gazzetta dello Sport e si potrà acquistare a partire dal 28 novembre presso gli AS Roma Store e dal 1 dicembre su asromastore.com e nelle edicole della Capitale dopo essere stato presentato al Campidoglio nella mattina di giovedì scorso alla presenza della sindaca Virginia Raggi, del CEO giallorosso Guido Fienga, dell’assessore alla scuola Veronica Mammì e del ministro per le Pari Opportunità e famiglia Elena Bonetti.

Le immagini danno prova di quella che è la violenza che molte donne sono costrette a subire: grazie all’utilizzo del make-up, le Wags hanno ricreato gli effetti fisici della violenza e con un cuore spezzato disegnato sulla guancia con il rossetto hanno fatto toccare con mano il danno psicologico che una violenza del genere può provocare. Un cuore spezzato che simboleggia la fiducia tradita, l’incredulità di chi subisce violenze da parte di qualcuno di caro.

Alla Roma importa: Amami e basta, il calendario contro la violenza sulle donne
Alla Roma importa: Amami e basta, il calendario contro la violenza sulle donne

Lady Dzeko promuove la campagna

Amra Dzeko è stata la promotrice di questa campagna, a cui tiene particolarmente in quanto “donna e madre” ha detto la stessa per sensibilizzare quante più persone possibili sull’argomento. “Siamo particolarmente felici di poter contare su testimonial d’eccezione come le mogli e le compagne dei calciatori, che sono state entusiaste di aderire alla nostra campagna. Questo dimostra una volta ancora che l’AS Roma non è solo un club di calcio, ma una grande famiglia pronta a scendere in campo per iniziative di forte rilevanza sociale” ha dichiarato il CEO Fienga, fautore di quest’impegno di cui le donne romaniste si sono prese carico in un periodo così delicato sotto questo punta di vista, complice il lockdown di Marzo e quello attuale in alcune regioni.

Gli studi hanno dimostrato che durante del periodo di lockdown, il numero di casi di violenza è sensibilmente aumentato e la maggior parte delle vittime non denuncia – il 72,8% delle vittime infatti non denuncia il reato subito – per paura. La violenza nasce in seguito al sentimento di impotenza che l’uomo crede di avere nel vedere la sempre più prorompente emancipazione della donna; gli aguzzini sono inoltre per la maggior parte partner e familiari. L‘iniziativa della Roma mira anche ad aiutare le donne vittime di violenza a denunciare e soprattutto a non sentirsi sole in quello che affrontano, una sensibilizzazione che purtroppo ancora oggi è necessaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.