in

Ascesa e caduta di Pogba: Real Madrid e Juventus chiamano

Pogba, centrocampista del Manchester United
Pogba, centrocampista del Manchester United

Secondo i Greci la vita è come una parabola discendente: quando arrivi al culmine, sei destinato a scendere di nuovo in picchiata. Culmine, punto più alto, apogeo, apice, acmé in greco. Nella carriera calcistica di Paul Pogba, l’acmé è molto semplice da individuare: la sua esperienza alla Juventus ha sicuramente segnato il suo percorso e ha contribuito a renderlo uno dei migliori, uno dei più desiderati persino dalla stessa società bianconera qualche anno dopo la cessione.

Pogba, l’esordio alla Juventus con Conte…

Pogba arriva a Torino nell’agosto del 2012 a parametro zero dal Manchester United e con la maglia della Juve fa la storia; viene preso come vice-Pirlo ma costringe Conte a cambiare modulo per dare più spazio a centrocampo al francese, che sin da subito diventa una pedina fondamentale nel gioco del tecnico bianconero, con cui vince il suo primo scudetto italiano.

Dopo l’addio di Conte e l’ennesimo scudetto conquistato trova Massimiliano Allegri, che poi nel 2016 tornerà a parlare del francese, dopo la sua cessione: “Non ci siamo sentiti prima della sua partenza per Manchester, anche perché è stato negli Usa. Avevamo un ottimo rapporto, forse c’è rimasto male perché con me perdeva le sfide con i piedi e con le mani, forse è andato via dalla Juve per questo”. Con il tecnico livornese, Pogba porta a casa due scudetti, due Coppe Italia e una Supercoppa di Lega e nel 2016 sul piano personale raggiunge uno splendido traguardo: viene inserito – per la prima volta in carriera – nella Squadra dell’Anno UEFA, occupando il quindicesimo posto nella classifica del Pallone d’Oro FIFA.

Paul Pogba, centrocampista del Manchester United, ex Juventus
Paul Pogba, centrocampista del Manchester United, ex Juventus

L’addio alla Juventus e il ritorno al Manchester United

Dopo 4 anni, la sua avventura italiana si conclude e viene riacquistato dalla sua ex squadra, il Man. United che complessivamente spende ben 105 milioni di euro; la sua stagione con la ritrovata maglia Red Devils inizia il 19 agosto seguente contro il Southampton nella vittoria casalinga di 2-0, ma qualcosa non va come previsto. Il ritorno in Inghilterra non giova al francese che invece di imporsi e diventare fondamentale per la squadra, arretra nelle gerarchie del suo allenatore.

LEGGI ANCHE  Juventus, ci pensa Morata: Pirlo agli ottavi, ma Dybala...

“Non ho mai vissuto un periodo così complicato nella mia carriera sportiva” commenta il francese, riconoscendo il momento deludente; ma sfrutta a pieno la sosta per le Nazionali che gli fa riscoprire emozioni da tempo dimenticate: “Giocare con la Nazionale francese è stata una boccata d’ossigeno per me. […] Ho provato le stesse sensazioni di quando abbiamo vinto il Mondiale”.

Pogba giocatore del Manchester United
Paul Pogba, centrocampista del Manchester United

Lo stesso Ct della Nazionale Didier Deschamps riconosce la forma fisica calante del francese, a causa dei pochi minuti disputati con il proprio club. Questo dà spazio alle incessanti sirene di mercato che chiamano dall’Italia sponda Juventus, che vorrebbe ritrovare il suo campione e anche dalla Spagna, sponda Real che, secondo quanto riporta todofichajes.com, avrebbe messo sul piatto il cartellino di Varane più un conguaglio economico di 30 milioni di euro al Manchester United.

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

381 points
Upvote Downvote
Lucas Leiva (Lazio)

Lazio, Simone Inzaghi recupera Lucas Leiva

Andrea Pinamonti, attaccante dell'Inter

Inter, Pinamonti chiama Conte: l’Under 21 rilancia l’attaccante?