in

Atalanta-Inter, tamponi dubbi per Gagliardini e Radu: Conte corre ai ripari

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency
Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency

Un avvio di stagione non particolarmente brillante quello dell’Inter che sia in campionato sia in Champions League sta deludendo le aspettative. La gara con l’Atalanta di oggi, valida per la settima giornata di Serie A, sembra già essere decisiva. I nerazzurri però devono fare i conti con i numerosi indisponibili: come rivelato dal Corriere dello Sport i tamponi di Roberto Gagliardini e Ionut Radu sarebbero risultati dubbi, ossia una positività minima e devono aspettare l’esito del secondo tampone per scongiurare la positività.

LEGGI ANCHE  Torino, Belotti salta l'Inter: ecco perché

Entrambi i giocatori erano già entrati in contatto con il virus e, una volta guariti, avevano già avuti dei tamponi risultati poi negativi. Può capitare però che ci siano dei “residui” di virus che possono essere rintracciati con tamponi più “profondi” del normale.

Per ora i due calciatori, per evitare contagi, insieme alla squadra sono rimasti isolati al centro sportivo della Pinetina con un nuovo giro di test per il resto del gruppo. Un brutto colpo per il tecnico nerazzurro che probabilmente avrebbe schierato il centrocampista italiano dal primo minuto al posto di Marcelo Brozovic. L’Inter intanto aspetta con trepidazione l’esito dei tamponi e teme che su di lei si possa riabbattersi l’ombra del Covid-19.

Finora, l’altro caso accertato di positività è quello di Daniele Padelli mentre preoccupa la faringite di Andrea Ranocchia anche se, fino ad adesso, i tamponi del difensore italiano hanno dato sempre esito negativo. L’unica nota lieve è il ritorno di Romelu Lukaku che però l’allenatore nerazzurro dovrebbe far partire dalla panchina per lasciare spazio ad Alexis Sanchez dal primo minuto.

LEGGI ANCHE  Calciomercato, Inter beffata: "C'è l'accordo col Psg"

Il tecnico Antonio Conte intanto deve correre ai ripari e prepara una formazione capace di contenere l’esplosivo attacco della Dea, senza però stravolgere i propri principi di gioco mostrati fino ad adesso. Sicuramente, il match di oggi sarà uno snodo decisivo per la stagione di entrambe le formazioni.

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

599 points
Upvote Downvote
Manchester City-Liverpool, tra storia e presente: Guardiola è nella sua roccaforte, Klopp si affida a Jota

Manchester City-Liverpool, tra storia e presente: Guardiola è nella sua roccaforte, Klopp si affida a Jota

Gasperini e Conte Atalanta-Inter

Inter, il Covid spaventa ma gli alibi sono finiti