in

Atalanta, prova di carattere: perchè solo in Champions League?

Zapata, attaccante dell'Atalanta
Zapata, attaccante dell'Atalanta

Scendere dai piani alti è sempre più difficile che raggiungerli. L’Atalanta ormai è abituata a questo tipo ci competizioni, i giocatori del Gasperini hanno letteralmente conquistato l’Europa attraverso un calcio diverso e propositivo. Il carattere questa squadra ce l’ha, l’ha sempre avuto e forse l’ha ereditato da una città che ne ha sempre avuto in abbondanza. Quella contro l’Ajax dei ragazzi terribili di Ten Hag è stata la prima gara di Champions League giocata a Bergamo e questo esordio, forse, i padroni di casa l’hanno pagato nei minuti iniziali. Andare sotto 2-0 può essere un qualcosa che ti taglia le gambe ma non per questa squadra.

Un carattere così si era visto poche volte nella storia della Champions League e allora quello che è lecito domandarsi è: “Perchè solo in Champions League?”. E’ vero, gli stimoli che danno queste gare non li dà nessun tipo di partita, ma per continuare a sognare nell’Europa che conta bisognerà classificarsi fra le prime quattro in campionato.

LEGGI ANCHE

LEGGI ANCHE  Il coraggioso Spezia doma l'Atalanta: all'Orogel non si va oltre il pari

Per tale motivo, l’Atalanta dovrà cercare di riproporre lo stesso atteggiamento visto contro i lancieri, anche in Serie A. Il Covid-19 influirà particolarmente sulla stagione e chissà che la Dea non possa poi arrivare a lottare per qualcosa in più. Meglio tenere i piedi ben saldi a terra, l’Atalanta mantiene tre punti di distanza sugli olandesi e si prepara alla doppia sfida contro il Liverpool di Jurgen Klopp. Un duello difficile, ma anche questa volta, dopo aver fermato il City nella precedente edizione,  la compagine di Gasperini andrà a caccia dell’impresa.

What do you think?

734 points
Upvote Downvote

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Hakan Calhanoglu, centrocampista del Milan

Calciomercato Milan, Maldini trema: Calhanoglu lascia i rossoneri?

Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter

Inter, Lautaro-Lukaku a secco: Conte tradito e Champions in salita