Barcellona, crisi e Siviglia: in palio la finale di Copa del Rey

Barcellona e Siviglia replicano dopo lo scontro in campionato e in semifinale d’andata: blaugrana chiamati all’impresa

Lionel Messi, Barcellona, in azione contro l'Alavés
Lionel Messi, Barcellona, in azione contro l'Alavés

Il Barcellona non vive un momento tranquillo, vista la recente crisi societaria che ha riguardato il presidente Bartomeu. Le accuse, l’arresto ed il processo che verrà certificheranno quanto e come la situazione si sia aggravata nel corso della sua presidenza, ma il campo ha iniziato a fornire i primi segnali di squilibrio. I blaugrana si sono resi protagonisti di cadute stagionali rovinose, come la sconfitta nella semifinale d’andata di Copa del Rey. Quest’ultima è giunta per mano del Siviglia ed il ritorno, in programma stasera, sarà una montagna da scalare per il Barcellona di Koeman. All’andata il risultato fu di 0-2, lo stesso con cui i catalani hanno steso gli andalusi nell’ultimo turno di campionato. Ma la sfida più importante di tutte deve ancora essere giocata.

Esultanza Barcellona
Esultanza Barcellona

Rientra Pedri

Il riscatto parziale di una stagione finora da dimenticare passa dalla Copa del Rey. Il trofeo sollevato più volte nella storia del Barcellona – ben 30 – rischia di perdere Leo Messi e compagni, chiamati ad un ribaltone complicatissimo. Il teatro è quello del Camp Nou, che seppur vuoto fa respirare aria di casa. La formazione, invece, sarà la migliore a disposizione e – come riportano gli spagnoli di Sport – potrà contare anche su un recupero lampo. Si tratta di Pedri, che ha trovato sempre più spazio con il Barcellona in stagione ed intende regalarsi una notte da sogno. E, per farlo, dovrà superare il Siviglia del Papu Gomez e dell’ex Rakitic, al fine di non gettare via una stagione che in Catalogna dovranno presto dimenticare.

Steven Zhang, Presidente dell'Inter

Inter, aria di svolta: un nuovo fondo bussa alla porta Suning

Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta @Image Sport

Atalanta, c’è il Crotone: mossa a sorpresa di Gasperini