in

Bayern Monaco, Lewandowski è da record: solo Messi e Ronaldo meglio di lui

Robert Lewandowski è sempre più decisivo per il Bayern Monaco, oltre ad essere un giocatore eccezionale che sta battendo ogni tipo di record, come quest’ultimo conquistato in Champions League.

Robert Lewandowski del Bayern Monaco
Robert Lewandowski, attaccante del Bayern Monaco (@imagephotoagency)

Robert Lewandowski è da record, una frase che abbiamo sentito pronunciare spesso durante la sua carriera, ricca di goal e di giocate straordinarie. Il centravanti polacco è la punta di diamante del Bayern Monaco sta vivendo delle annate straordinarie, come l’ultima, in cui avrebbe meritato di vincere il Pallone d’Oro, se solo ci fosse stata una premiazione. Un calciatore completo, dotato di grandi doti fisiche oltre ad essere tecnicamente invidiabile da molti calciatori e prime punte, poche, se non nessuna potrebbe definirsi come lui: forte di testa, sa utilizzare entrambi i piedi perfettamente oltre a saper battere anche le punizioni.

Insomma non c’è un qualcosa che non sia specialità della casa per Robert Lewandoski, un giocatore straordinario che meriterebbe di essere affiancato a campioni come Ronaldo e Messi nel calcio di oggi. L’attaccante polacco è un esempio di prima punta moderna, le sue doti gli consentono di poter fare di tutto, non solo i goal, oltre ad essere sempre decisivo per la propria squadra.

Robert Lewandowski attaccante del Bayern Monaco
Robert Lewandowski attaccante del Bayern Monaco

Lewandoski alle spalle di Messi e Ronaldo: nuovo record col Bayern Monaco

Questa sera, nella sfida tra Lazio e Bayern Monaco, Robert Lewandowski ha infranto un altro record: la rete contro i biancocelesti gli ha consentito di arrivare a quota 72 in Champions League. Il centravanti dei bavaresi ora è al terzo posto nella classifica marcatori di tutti i tempi della massima competizione europea, superando di un goal Raul (71) e alle spalle solo di Messi e Ronaldo, rispettivamente a quota 134 e 119. Record su record, l’attaccante polacco sta infrangendo ogni tipologia di primato di partita in partita, dimostrando di essere un giocatore immenso.

Spesso si tende a sottovalutare Lewandowski, che viene poche volte accostato a campioni come la Pulce e Cr7, nonostante le sue prestazioni e le sue capacità realizzative non siano tanto da meno. Il suo successo resta spesso nel silenzio più totale e la fortuna non è neanche dalla sua parte, poiché questo silenzio poteva arrestarsi con la vittoria del Pallone D’Oro. La conquista di un trofeo del genere ripagherebbe, come successo personale, tutto quello che ha fatto nei suoi ultimi anni, portando alla vittoria più volte e sul tetto del mondo il Bayern Monaco, senza dimenticarsi della finale di Champions raggiunta anche col Borussia Dortmund.

Erling Haaland attaccante del Borussia Dortmund. La Juventus ci pensa

Sogno Juventus, Raiola: “Haaland? In dieci possono permetterselo”

Willy Ta Bi, qui con la maglia dell'Atalanta

Atalanta in lutto, morto l’ex Primavera Willy Ta Bi