in

Beppe Signori assolto per Piacenza-Padova: “Non ha truccato il risultato”

Il verdetto del Tribunale di Piacenza assolve l’ex calciatore per quanto riguarda l’inchiesta sul calcioscommesse, ma nel frattempo sono passati dieci lunghi anni

Beppe Signori, ex giocatore del Piacenza
Beppe Signori, ex giocatore del Piacenza

Beppe Signori è stato assolto con formula piena da parte del Tribunale di Piacenza per l’inchiesta sul calcioscommesse che lo vedeva accusato di aver cercato di truccare il risultato della partita tra Piacenza e Padova di Serie B del 2 ottobre 2010. Signori aveva rinunciato alla prescrizione ed era finito sotto processo insieme a Luigi Sartor e al cosiddetto gruppo di Singapore che, secondo un testimone, aveva pagato una somma di circa 65.000 euro per condizionare il risultato della gara, di cui 30.000 destinati proprio a Signori.

Il nodo da sciogliere riguardava proprio questo pagamento che era effettivamente indirizzato nei confronti di Signori, ma solo allo scopo di avvalersi delle competenze tecniche dell’ex calciatore. Il gruppo di Singapore aveva l’intenzione di investire nel mondo del calcio italiano acquisendo la proprietà del Piacenza Calcio, che in quel periodo andava incontro ad un brutto fallimento. Nel corso del processo, è stata determinante la testimonianza del commercialista di Beppe Signori.

Giuseppe Signori, i migliori anni alla Lazio

Beppe Signori: “Questi dieci anni non me li restituirà nessuno”

Al termine del processo, Beppe Signori ha dichiarato: “Spero che questa possa essere la prima di una lunga serie di assoluzioni che mi possano restituire la dignità di uomo e la credibilità di sportivo. Per me è una piccola rivincita, ma questi dieci anni non me li restituirà nessuno“. L’ex attaccante Beppe Signori si era reso protagonista da calciatore indossando proprio la maglia del Piacenza e facendo in seguito le fortune soprattutto di Bologna e Lazio. Signori può vantare anche 28 presenze nella Nazionale Italiana, con sette reti segnate. L’ex attaccante si è sempre distinto per la sua rapidità fuori dal comune e per il suo tiro molto potente e preciso, paragonato talvolta a quello di Gigi Riva. Ora per Signori è il momento di cominciare un nuovo capitolo e di lasciarsi alle spalle le accuse.

Zidane, tecnico del Real Madrid

Real Madrid, Zidane: “Io non firmo per il pareggio”

Esultanza al gol di Gonzalo Escalante, poi assegnato a Milinkovic

Lazio-Bayern Monaco, formazioni ufficiali: le scelte di Inzaghi e Flick