Bulgaria, caso razzismo: si dimette il presidente della Federcalcio

Dopo i fatti accaduti nella partita di ieri, il presidente della Federcalcio bulgara Mihajlov si è dimesso

Bulgaria, caso razzismo: Mihaylov presenta le dimissioni

Quando si parla di calcio ormai si discute di tutto fuorché di campo. Un’altra volta un episodio di stampo sociale, più precisamente razziale, ha rovinato il grande divertimento che potrebbe portare in tutto il mondo questo sport. È avvenuto ieri sera, durante il match fra Bulgaria e Inghilterra, con i tifosi ospiti che hanno più volte cantato cori razzisti verso gli avversari, in particolare verso Raheem Sterling.

A seguito di ciò, lo stesso capitano Popov si è indignato della situazione dicendo: “Se si continua così i giocatori stranieri non vorranno mai venire a giocare qui“. È stata decisa la posizione del premier bulgaro Borissov, che, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, ha raccomandato insistentemente il presidente della Federcalcio di dimettersi. A quanto scritto da Sky Sports, le dimissioni sono state presentate e Mihaylov non è più il presidente della Federcalcio bulgara.