in

Bundesliga, 7° giornata: vola il Bayern Monaco: Lipsia e Leverkusen tengono il passo

Robert Lewandowski, attaccante del Bayern Monaco
Robert Lewandowski, attaccante del Bayern Monaco

Si è conclusa la prima parte della 7° giornata di Bundesliga giocata come tutti i sabati alle ore 15.30. Tante reti realizzate e risponde addirittura con un netto 5-0 l’Union Berlino contro il Bielefeld; lo Schalke 04 riacciuffa il Mainz sul 2-2 mentre il Lipsia chiude sul 3-0 il Friburgo piazzandosi al secondo posto. Il Bayern Monaco che supera la sfida di Dortmund con un 2-3 ricco di gol e spettacolo.

La domenica pomeriggio si apre con il match della Wolkswkagen Arena tra Wolfsburg e Hoffenheim. Nel posticipo della BayArena gara spettacolare tra Leverkusen e Monchengladbach che danno vita ad un pirotecnico 4-3. 2-2 al 45′, ma nella ripresa le aspirine mettono la freccia con Alario e Baumgartlinger, inutile il gol nel finale della squadra di Marco Rose. Bayer e Lipsia, dunque, tengono il passo del Bayern Monaco che guida la testa della classifica in solitaria.

LEGGI ANCHE  Bundesliga, il Bayern allunga: Leverkusen fermato dall'Hertha

I risultati della 7° giornata di Bundesliga

  • Werder Brema-Colonia 1-1
  • Augusta-Hertha Berlino 0-3
  • Mainz-Schalke 2-2
  • Lipsia-Friburgo 3-0
  • Stoccarda-Eintracht 2-2
  • Union Berlino-Bielefeld 5-0
  • Dortmund-Bayern Monaco 2-3
  • Wolfsburg-Hoffenheim 2-1
  • Bayer Leverkusen-Borussia Monchengladbach 4-3

La classifica

  1. BAYERN 18 punti
  2. LIPSIA 16
  3. BORUSSIA DORTMUND 15
  4. LEVERKUSEN 15
  5. UNION BERLINO 12
  6. B. M’GLADBACH 11
  7. WOLFSBURG 11
  8. AUGUSTA 10
  9. STOCCARDA 10
  10. EINTRACHT 10
  11. WERDER BREMA 10
  12. HERTHA BERLINO 7
  13. HOFFENHEIM 7
  14. FRIBURGO 6
  15. ARMINIA BIELEFELD 4
  16. COLONIA 3
  17. SCHALKE 04 3
  18. MAINZ 1

Vota Articolo

691 points
Upvote Downvote
Stefano Pioli, allenatore del Milan @imagephotoagency

Milan-Verona streaming gratis: Diretta LIVE Hesgoal no Rojadirecta

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency

Miranchuk salva l’Atalanta: Conte ritrova Lautaro, ma all’Inter manca l’istinto killer