in

Cagliari, Joao Pedro avvisa la Juventus: “Difficile, ma so già come esultare”

Joao Pedro, attaccante del Cagliari
Joao Pedro, attaccante del Cagliari

Ormai per Joao PedroCagliari e il Cagliari, sono una seconda casa. Lo si era già capito dai grandi numeri della scorsa stagione in cui aveva siglato 18 reti in 36 partite, mai il brasiliano aveva inciso così tanto nella sua carriera da professionista, riconfermandosi anche questo inizio di campionato mettendo a segno 5 reti in 7 partite. Rendimento veramente straordinario per il brasiliano che in coppia con Giovanni Simeone si candida ad essere uno degli attacchi più prolifici della Serie A.

In un’intervista rilasciata a TuttoSport Joao Pedro ha parlato del rapporto con la città sarda che lo ha accolto come un figlio: “Squadra e città hanno qualcosa di straordinario. Qui si respira il calcio in modo diverso, la squadra è l’orgoglio di tutti gli abitanti di questa terra. Dispiace non poterli avere allo stadio al nostro fianco”.

Juventus-Cagliari, Joao Pedro: “Scudetto? Bianconeri favoriti…”

Joao Pedro si è soffermato anche sulla prossima avversaria in campionato, la Juventus di Andrea Pirlo: “Hanno giocatori formidabili e una mentalità incredibile che li porta a essere più forti degli altri nei momenti di difficoltà. Se potessi togliergli un calciatore gli leverei Cristiano Ronaldo, senza ombra di dubbio. Sarà difficile, però mio figlio André mi ha già detto come esultare in caso di gol…”. Il 10 rossoblù crede in una buona prestazione in casa bianconera che lui indica ancora come la candidata numero uno alla vittoria dello scudetto.

Joao ora può sognare anche la nazionale essendo il calciatore brasiliano che ha segnato di più nell’anno solare: “Alla Seleção non ho mai pensato tanto e il mio atteggiamento non è cambiato nonostante tutti quei gol. Devo pensare solo a mantenere la continuità a questo livello e poi, magari, arriverà il momento di volare alto». E se è arrivato a questi livelli lo deve tutto a una persona speciale: “Devo ringraziare innanzitutto mio padre, che mi ha preparato a tante cose che mi sarebbero accadute. Nel mondo del calcio ho cercato di rubare qualcosa a tutti gli allenatori che ho avuto“.

Joao Pedro attaccante del Cagliari
Joao Pedro attaccante del Cagliari

A proposito di allenatori, con Eusebio Di Francesco, l’ex Palermo sembra aver trovato un certo feeling: “Pratica un calcio moderno, intelligente, vede le cose prima che succedano, per indole vuole vincere sempre, in più mi ha capito subito. E, quando c’è questa intesa, poi le cose non possono che andare bene“.

Vota Articolo

499 points
Upvote Downvote
Ruslan Malinovskyi, centrocampista dell'Atalanta

Atalanta, Ruslan Malinovskyi positivo al Covid-19

Roberto Mancini, CT della nazionale italiana

L’Italia convince e Gravina punta tutto su Mancini