martedì, 26 Maggio 2020 - 08:54
Calcio Atalanta Lecce-Atalanta, Gasperini: "Questa squadra mi rende orgoglioso,ma attenzione ai cali di concentrazione"

Lecce-Atalanta, Gasperini: “Questa squadra mi rende orgoglioso,ma attenzione ai cali di concentrazione”

Gian Piero Gasperini si presenta ai microfoni del post gara visibilmente euforico. L'Atalanta ne rifila 7 al Lecce e allunga sulla Roma. Lottare per lo Scudetto? Forse troppo prematuro ma a Bergamo si lavora da anni a raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi

Gasperini: “Sono orgoglioso. Chi entra ha tanta voglia di giocare e mettersi in luce”

E’ un Gasperini raggiante come già siamos stati abituati a vederlo tante altre volte in questo campionato. Il 2-7 con cui la sua Atalanta si è imposta sul Lecce racconta perfettamente una gara, per la quale ogni altra parola sarebbe quantomeno inutile. I record della Dea continuano a sommarsi in una stagione che la vede sempre più protagonista della nostra Serie A e in Champions. Un miracolo tutto italiano e figlio di un progetto umile ma determinato e che finora sta dando grandi risultati.

Gasperini non riesce a trattenere il sorriso quando si presenta davanti alle telecamere del post-gara. E’ visibilmente emozionato e quando gli si menzionano tutti i grandi risultati della sua squadra, quasi commosso, commenta: “Questo è ciò che più ci inorgoglisce. Questa è una squadra che sul 2-2 riesce a rimettere palla al centro e continuare a fare il suo gioco. Nel secondo tempo poi la squadra non ha più perso concentrazione e quando tolgo Papu e Ilicic ed entrano Muriel e Malinovskyi questi hanno voglia di fare gol, farsi vedere ed è così che nascono queste partite“.

Nessun limite è precluso, contro la Lazio sarà gara-verità

La domanda successiva non potrebbe essere altra se non quella inerente ai prossimi avversari dell’Atalanta, quella Lazio capolista in serie positiva da ottobre. Gasperini si dimostra tecnico capace e pragmatico di sempre, rispondendo così a chi gli ha chiesto del prossimo match: “Questo tipo di prestazione indubbiamente ci dà forza sul campionato in cui abbiamo un vantaggio e vogliamo mantenerlo, semmai aumentarlo. Dobbiamo giocare tutte le partite cercando di doppiare il girone di andata e allora anche l’anno prossimo sarà Champions“.

Poi ancora uno sguardo su come sia arrivata questa roboante vittoria anche alla luce di un primo tempo in cui, in vantaggio di due gol, si è poi andati al riposo in perfetta parità: “Noi mettiamo in preventivo tutto. Siamo un poì più distratti quando andiamo in vantaggio paradossalmente e questo è un atteggiamento psicologico sul quale stiamo lavorando tanto. Le maggiori difficoltà noi le abbiamo avute a risultato apparentemente acquisito. Come oggi sul 2-0. Per contro abbiamo una grande capacità che è quella di ripartire su quelle che sono le nostre conoscenze migliori“.

Lo Scudetto è il sogno, ma bisogna lavorare ancora tanto

Atalanta, macchina da gol. Con questa facilità nell’andare a segno è davvero impossibile che un giorno perfino l’Atalanta possa puntare allo Scudetto? La provocazione colpisce Gasperini in pieno stomaco, ma una volta recuperata la rituale flemma, il tecnico chiosa: ” E’ difficile vincere uno scudetto perché noi perdiamo qualche partita di troppo. Il nostro target ogni anno è attorno ai 70 punti. Per vincere lo Scudetto ce ne vogliono 85, 90. Qello che cerco io ogni anno è di portare la squadra un po’ più su. E in questo ci siamo riusciti“.

SEGUI LA JUVE SU INSTAGRAM

671,9k Followers
Follow

LEGGI ANCHE

LA PRIMA PAGINA

ULTIME NOTIZIE

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!