martedì, 7 Luglio 2020 - 16:56
Calcio Brescia Serie A, Cellino: "Lotito vuole lo scudetto? Dateglielo"

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Serie A, Cellino: “Lotito vuole lo scudetto? Dateglielo”

Serie A, Cellino: “Lotito vuole lo scudetto? Dateglielo”. L’intervista a Massimo Cellino, Presidente del Brescia, che in linea diretta con il Corriere dello Sport, si sfoga e lo fa pesantemente. Una linea che noi di footballnews24.it ci sentiamo di appoggiare in ogni minimo particolare, una linea che parla di un’epidemia e di un calcio che è giusto si fermi, quantomeno per il rispetto doveroso da rivolgere alle vittime, a parenti ed amici e naturalmente a tutte quelle persone operanti e attive nel principio unico e indiscutibile della salvaguardia del bene più importante, la vita. Il patron delle Rondinelle afferma dunque, puntando il dito a chi sembra non voler guardare cosa stia accadendo nel nostro paese: “Ma quale ripresa, ma quale stagione da concludere, io penso all’anno prossimo, solo a quello. La coppa, lo scudetto… Lotito lo vuole, se lo prenda. È convinto di avere una squadra imbattibile, lasciamogli questa idea”.

Si tenta poi di mostrare la realtà ai più ciechi, a coloro che sembrano voler far finta di niente, come se di semplice influenza davvero si trattasse: “Ho avuto la febbre per tre giorni e sono in quarantena da undici. Chiuso in casa a Padenghe sul Garda, sono solo. Mia moglie Francesca è bloccata a Cagliari, ho un figlio a Milano, gli altri fuori. Ho visto e sentito cose che non vi potete neppure immaginare. Da Brescia ricevo continuamente notizie, e sono tutte pazzesche, eppure la città sta affrontando la tragedia con una dignità che imbarazza. Questa gente mi ha strappato il cuore. Ha genitori, parenti, amici, conoscenti che muoiono ogni giorno eppure soffre terribilmente ma in silenzio. Chiede aiuto solo a se stessa. Altri sono i numeri, non quelli ufficiali, altre le dimensioni. Fosse successo da altre parti sarebbe scoppiata la rivoluzione. Ha un solo desiderio, rimettersi al lavoro, ricominciare a vivere. E mi volete parlare di campionato, di scudetto? Non me ne frega un cazzo… Ho paura ad uscire di casa, mi sta venendo la depressione”.

Ivan Zazzaroni ascolta e comprende: “Massimo davvero lo sappiamo, ne vediamo tante in tv e sui giornali in questi giorni”. La risposta di Cellino è ancor più forte: “C’è molto, molto di più. Non bisogna pensare a quando si ricomincia, ma se si sopravvive. E se parliamo di calcio, tutto deve essere spostato alla prossima stagione. Realismo, signori. Questa è la peste. E poi avete letto o no il comunicato dei tifosi della Lombardia? Non vogliono che si riparta. Lo vietano loro, non la federazione. Prima la vita. La vita, cazzo. Ci sono ultrà che portano l’ossigeno agli ospedali, altri che piangono i loro morti, altri ancora intubati. Non si può più giocare quest’anno. Si pensi al prossimo. Qualcuno non si rende ancora conto di quello che sta accadendo, e quel qualcuno è peggio delvirus. Io non credo ai miracoli, ho smesso di farlo tanto tempo fa. Resettiamo. Quante partite si sono giocate? 26. La stagione è andata, se qualcuno vuole questo scudetto maledetto se lo prenda pure. Chiuso. Finito. E non parlo così perché il Brescia è ultimo in classifica. Siamo ultimi perché ce lo meritiamo. Io per primo lo merito. Facciano quello che vogliono. Penso a quelli che perderanno il posto di lavoro, a quelli che stanno morendo… Il calcio è un’azienda che occupa tante persone ma è anche in grado di superare la crisi. Semplicissimo: si è bruciato un terzo del campionato, e allora si taglino un terzo dello stipendio ai calciatori, un terzo dei diritti televisivi e un terzo delle tasse. È il modo più facile per aggiustare le cose. La testa delle istituzioni, federazione e lega, deve proiettarsi a settembre, a ottobre, a quando sarà. Ho letto con attenzione quello che ha detto Galliani al tuo giornale e sottoscrivo tutto, Adriano è il migliore, il più lucido. Ma temo che non ci sia più il tempo per contrastare il dissesto in modo strutturato”. Grazie al Corriere dello Sport, grazie a Ivan Zazzaroni e grazie a Massimo Cellino, le testimonianze possono aiutare a capire e, quindi , a sopravvivere.

LEGGI ANCHE

ULTIME NOTIZIE

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui