giovedì, 2 Luglio 2020 - 17:19
Calcio Calcio Estero Asprilla, il calcio in Colombia e i cartelli: ho salvato Chilavert

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Asprilla, il calcio in Colombia e i cartelli: ho salvato Chilavert

In Colombia anche una rissa in campo può trasformarsi in un omicidio.

Almeno a sentire il racconto del colombiano Faustino Asprilla, mitico ex Parma e Newcastle. Nel corso dell’incontro eliminatorio di Coppa del Mondo Colombia-Paraguay (eliminatorie per i mondiali del 1998), Asprilla è coinvolto in una vera e propria rissa con il portiere paraguaiano Chilavert: volano sputi e Asprilla viene colpito anche da un pugno sferrato dall’aggressivo portiere.

Come riportato dal Corriere dello Sport, a fine partita Asprilla riceve una convocazione: è Julio Fierro, ex stretto collaboratore del mitico Pablo Escobar (il signore della coca mondiale morto nel 1993) all’epoca narcotrafficante colombiano di primo piano ucciso poi nel 2004. Asprilla, che sa di non poter dire di no, si reca con il compagno Aristizabal nell’hotel dove Fierro si trova insieme ad una decina di suoi uomini.

Qui Asprilla riceve la richiesta da parte di Fierro di far uccidere Chilavert dai suoi sicari. Ciò a causa della sua condotta violenta tenuta verso di lui. Asprilla inorridisce e respinge al mittente la richiesta specificando che quello che succede in campo lì deve rimanere. Nonostante le insistenze dei narcos la cosa finì lì.

Purtroppo, questo non è stato l’unico episodio in cui i narcotrafficanti sono stati non solo spettatori ma protagonisti del calcio colombiano. Per tutti, l’omicidio nel 1994 a Medellin del calciatore della nazionale Andres Escobar rimasto insoluto nelle motivazioni.

LEGGI ANCHE

ULTIME NOTIZIE

Barcellona, Setien in bilico: Xavi pronto a tornare

Secondo quanto riporta il giornale spagnolo Sport, l'ex blaugrana Xavi, sarebbe pronto a riprendere le redini del Barcellona. Ma stavolta dalla panchina....

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui