SERIE A

News e Calciomercato
mercoledì, 3 Giugno 2020 - 18:57
Calcio Inter Inter, senti Handanovic: "Non si vive di ricordi, ora voglio vincere"

Inter, senti Handanovic: “Non si vive di ricordi, ora voglio vincere”

Costretto in casa dall'emergenza coronavirus, il capitano dei nerazzurri mantiene il focus sull'immediato futuro. Dai metodi di allenamento all'infortunio, il portiere rassicura i tifosi e continua la preparazione per quando si riprenderà a giocare

Inter, senti Handanovic: “Non si vive di ricordi, ora voglio vincere”. Samir Handanovic è il capitano dell’Inter da due stagioni, cioè dalla rottura definitiva tra Mauro Icardi e l’ambiente nerazzurro. L’attaccante, ora, è al PSG, mentre lo sloveno vede il proprio presente ed il proprio futuro completamente a tinte nerazzurre. In occasione di una live sui profili social del club, il portiere ex Udinese ha risposto alle curiosità dei fan. Curiosità, ma anche parole di affetto per l’ambiente, che ormai è definitivamente la sua seconda casa.

Handanovic: “Ho un sogno”. E rassicura i tifosi sul suo infortunio

Con gli allenamenti sospesi, si fa quel che si può e Samir Handanovic non fa di certo eccezione. Il momento è complicato ed il capitano dell’Inter ha voluto dire la sua: “Ammetto che restare concentrati in questo momento non è facile. Mi alleno da casa facendo quello che posso e vedo qualche vecchia partita, anche se non dico quale. Sicuramente la situazione del coronavirus è stata preso un po’ ovunque sottogamba e adesso ne paghiamo le conseguenze”.

I tifosi, inizialmente colti di sorpresa dalla decisione della società, da un po’ sono entrati in sintonia con la scelta di assegnargli la fascia da capitano. Onore e responsabilità per Handa, oltre che ulteriore motivazione per coltivare un sogno: “Arrivare all’Inter per me è stato un sogno, adesso indossare questa maglia ed avere la fascia da capitano al braccio è un orgoglio. Ho vissuto bellissimi momenti con l’Inter ma adesso non è più tempo di vivere di ricordi. Il mio sogno? Alzare qualche trofeo”. Infine, le rassicurazioni sull’infortunio che lo aveva tenuto fuori per quasi un mese: “Sono passati due mesi, ormai l’infortunio è una cosa dimenticata e sto bene.

LEGGI ANCHE

LA PRIMA PAGINA

ULTIME NOTIZIE

Feedelissimo – sito che pubblicizza gratuitamente i nostri contenuti.

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!