Calciomercato Juventus, svolta Guardiola: il City ha scelto il sostituto

Pep Guardiola sarebbe il vero obiettivo della Juventus per la prossima estate. La sentenza Uefa, che ha escluso il Manchester City dalle coppe europee, potrebbe fornire ai bianconeri un assist decisivo in questa direzione

Il sogno della Juventus, per la prossima sessione di calciomercato, ha un nome e un cognome: Pep Guardiola. Il tecnico iberico, questa estate, è rimasto alla corte del Manchester City, nonostante i bianconeri avessero sondato in più occasioni la possibilità di portarlo all’ombra della Mole prima di virare definitivamente su Maurizio Sarri.

Maurizio Sarri
Maurizio Sarri, allenatore della Juventus

L’ex allenatore del Napoli, però, non avrebbe finora convinto la dirigenza piemontese, sia sotto il profilo dei risultati che a livello di gioco. Le due sconfitte contro la Lazio, una delle quali è costata la conquista della Supercoppa Italiana, il pareggio in Coppa Italia contro il Milan e il doppio 2-1 subito contro Napoli e Verona potrebbero aver minato, infatti, le certezze di un gruppo capace di dominare il campionato italiano per otto anni consecutivi.

Una stagione controversa per la Juventus che, nonostante il passaggio agli ottavi di finale di Champions League e i 54 punti ottenuti in campionato, è sembrata la brutta copia di quella capitanata da Massimiliano Allegri. Al netto delle prestazioni messe in mostra contro Inter, Cagliari, Bayer Leverkusen e in qualche altra sporadica occasione, Sarri non è riuscito a plasmare la corazzata bianconera a sua immagine e somiglianza soprattutto sotto il profilo del gioco. Ecco perché, negli ultimi giorni, sarebbe tornato in auge il nome di Guardiola, autentico pupillo di Andrea Agnelli e Fabio Paratici.

Calciomercato Juventus, svolta Guardiola: la Uefa alimenta il sogno

La Uefa, nella giornata di oggi, ha reso pubblica la decisione di escludere il Manchester City da tutte le competizioni europee dei prossimi due anni per violazioni del Fair Play Finanziario. Una notizia che non è di certo passata inosservata in casa Juventus e che potrebbe permettere ai bianconeri di trasformare finalmente in realtà il sogno Guardiola.

Nel caso in cui dovesse essere confermata la sentenza, infatti, sarebbe difficile ipotizzare una permanenza dell’ex Barcellona alla corte dei Citizens, che dovranno pagare anche una multa di 30 milioni di euro ed essere sicuramente più cauti sul fronte calciomercato. Per Guardiola, dunque, si potrebbero aprire le porte della Juventus e chissà che, con il suo approdo in bianconero, non possa raggiungere Torino anche Lionel Messi, in rotta di collisione con il Barcellona e con il mondo blaugrana.

Il Manchester City sceglie Pochettino, Guardiola verso l’addio?

Il futuro di Pep Guardiola tiene banco, dunque, dalle parti di Manchester e secondo il Sun il tecnico catalano potrebbe seriamente lasciare i citizens al termine di questa stagione. Il City, distratto dalle problematiche UEFA che starebbero condizionando la società, anche legate alla storia del club e ai propri campionati vinti (come quello della stagione 2013/2014 messo adesso in discussione), potrebbe quindi ripiegare su un altro tecnico di lusso della vecchia Premier League.

Manchester, addio Guardiola: scelto già il sostituto?

L’ex Tottenham Mauricio Pochettino, come riferito dal tabloid inglese, sarebbe l’uomo scelto per il futuro del club di Manchester. Via libera allora per Guardiola, conteso dalla Juventus ma anche dal Barcellona, con i catalani che gradirebbero e non poco riavere l’allenatore spagnolo dopo i grandi successi del passato. Uno su tutti, ovviamente Leo Messi, anche se le avance della Juve sarebbero fortissime e durerebbero già dalla scorsa estate quando, nonostante le tante voci di mercato, videro Maurizio Sarri lasciare casa Chelsea per sedersi sulla panchina della Vecchia Signora. La telenovela va avanti e nelle ultime ore parlerebbe anche di un altro grandissimo e potenziale ritorno sulla panchina della Vecchia Signora. Ultimissima di calciomercato della Juventus, con il possibile ritorno di Fabio Capello >>> CONTINUA A LEGGERE