SERIE A

News e Calciomercato
venerdì, 29 Maggio 2020 - 20:44
Calcio Lazio Lazio, Diaconale attacca la Juve: "Vogliono lo Scudetto d'ufficio"

Lazio, Diaconale attacca la Juve: “Vogliono lo Scudetto d’ufficio”

Non stenta a tramontare la polemica montata dal responsabile della comunicazione dei biancocelesti. La linea intrapresa è quella di tutela degli interessi del proprio club, ma si giunge allo scontro. Nel mirino, stavolta, l'avversaria per lo Scudetto e il Ministro Spadafora

Lazio, Diaconale attacca la Juve: “Vogliono lo Scudetto d’ufficio”. Arturo Diaconale è direttore della comunicazione della Lazio ed è spesso citato in questi giorni per le proprie esternazioni a tutela del club capitolino. La linea portata avanti dalla società di Claudio Lotito è quella di concludere la stagione in corso. Anche se ciò vorrà dire disputare gli ultimi match in piena estate.

La Lazio è ad oggi in piena lotta Scudetto, insieme all’Inter e alla Juventus. Sui bianconeri, Diaconale si è espresso lanciando una frecciata – come si evince dal suo post sul Taccuino Biancoceleste su Facebook“Le polemiche per spiegare che il legittimo interesse della Lazio a finire regolarmente il campionato non nasce dalla pretesa di vincere lo scudetto a tavolino, ma solo dalla speranza di poterlo conquistare sul campo e per rilevare come questo interesse abbia la stessa legittimità di quello di chi vorrebbe annullare il campionato in corso o per avere lo scudetto d’ufficio e potersi dedicare solo alla Champions o per evitare una rovinosa retrocessione”.

Lazio, Diaconale: attacco a Spadafora

Nella seconda parte del post Facebook si sviluppa una critica al Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che ha dichiarato di voler sospendere le attività – tra cui gli allenamenti – almeno fino a fine aprile. Su di lui, Diaconale ha scritto: “Le polemiche nei confronti di un inconsapevole ministro che non conosce il ruolo del calcio nell’economia e nell’immaginario collettivo del Paese. Ma soprattutto le polemiche per interrompere quella vulgata politicamente corretta e frutto di interessi precisi che tende a dipingere sempre e comunque Lotito non come un imprenditore che ha costruito negli anni una società sana ed una squadra competitiva recuperandola da una condizione drammatica e fallimentare, ma una sorta di diavolo del calcio nazionale che si permette di mettersi di traverso ai potenti per eredità, censo o grande presenza mediatica e che per questo va relegato nell’inferno fasullo ed ipocrita dei presunti cattivi”.

Le aspre esternazioni del portavoce della Lazio sono principalmente a tutela di Claudio Lotito, nell’occhio del ciclone per risultare il più propenso a voler chiudere a tutti i costi questa stagione. La situazione è in continuo sviluppo e tra meno di due settimane si giungerà probabilmente al punto di non ritorno in merito alla decisione riguardante la nostra amata Serie A.

LEGGI ANCHE

LA PRIMA PAGINA

ULTIME NOTIZIE

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!