Milan-Juventus, Pioli: “Meritavamo la vittoria. Il rigore non c’era, Calabria era di spalle”

Il pareggio ottenuto contro la Juventus nella semifinale d'andata di Coppa Italia non soddisfa l'allenatore del Milan Stefano Pioli. Il tecnico dei rossoneri, al termine del match, è stato intervistato ai microfoni di Rai Sport

È un Milan coriaceo e determinato, quello sceso in campo contro la Juventus nella semifinale d’andata della Coppa Italia. I rossoneri, nonostante l’ottima prestazione e il vantaggio firmato Rebic, sono stati raggiunti in pieno recupero dai bianconeri, grazie a un calcio di rigore di Ronaldo.

Ante Rebic
Rebic, attaccante del Milan, autore del gol del momentaneo 1-0 contro la Juventus

Al termine del match di San Siro, è stato intervistato il tecnico del Milan Stefano Pioli. Ecco le sue dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport: “I tifosi del Milan devono essere orgoglioso della squadra. Abbiamo fatto una grande partita contro un avversario superiore, meritavamo un altro risultato e al ritorno ci proveremo“.

Su Rebic: “Sta vivendo un momento eccezionale, merito di un’ottima condizione psico-fisica. Dopo la sosta si è ripreso e sta diventando un giocatore molto importante per noi“.

Sul rigore assegnato alla Juventus: “Il rigore non c’era, mentre all’inizio dell’azione c’era fallo su Ibrahimovic. Calabria è di spalle, non vede il pallone e questo non è mai rigore. Stesso episodio era avvenuto in Cagliari-Brescia con Cerri e in quel caso Rizzoli affermò che non doveva essere assegnato quel rigore. Con Calabria siamo di fronte ad una situazione identica. Sono confuso, non si capisce quali siano le regole“.