SERIE A

News e Calciomercato
venerdì, 29 Maggio 2020 - 01:42
Calcio Serie A Inter-Milan, l'attesa è finita: Scudetto ed Europa tutto in una notte

Inter-Milan, l’attesa è finita: Scudetto ed Europa tutto in una notte

Inter e Milan stanno finalmente per scontrarsi nel match che potrebbe decidere i rispettivi destini da qui alla fine del campionato. L'Inter, con una vittoria ritroverebbe la testa della classifica. Il Milan vuole tirarsi fuori dal pantano in cui è invischiata da inizio stagione e con un successo potrebbe addirittura agguantare l'Europa

Ormai ci siamo. Solo poche ore ci dividono dal derby più entusiasmante del campionato, una gara che potrebbe dimostrarsi fondamentale per il prosieguo del cammino in A delle due contendenti.

Eriksen e Ibrahimovic
Eriksen e Ibrahimovic, trequartista dell’Inter e attaccante del Milan

L’Inter, orfana di Lautaro Martinez, è pronta a sfidare un Milan distante in classifica ma sempre agguerrito quando si tratta di sfidare i cugini nella gara regina del campionato. Il derby non è mai una gara qualsiasi: la frenesia si sta impossessando di milioni di persone e ancor di più di quei fortunati 75 mila che sono riusciti ad accaparrarsi un biglietto per assistere al match. San Siro sarà, ancora una volta, il teatro della sfida che rivelerà chi potrà ambire alla vittoria finale e chi dovrà accontentarsi di un ruolo da comprimaria nel campionato tricolore.

Inter-Milan: una gara, tante sfide

Tante le sfide in seno al match. la prima, quella più attesa, vedrà uno contro l’altro i giganti dei rispettivi reparti offensivi. Lukaku contro Ibrahimovic lotteranno a distanza per la supremazia in campo e nella città. Il belga sta portando avanti una stagione dai ritmi e dalle performance straordinarie. Il feeling con Conte e con i compagni è alle stelle e lui è pronto a fiondarsi su ogni pallone che passerà dalle sue parti. Dover fare a meno del compagno di reparto sarà dura ma potrà contare su un Eriksen finalmente schierato nel suo ruolo naturale e ansioso di mostrare a tutti il suo valore.

Romelu Lukaku
Romelu Lukaku, centravanti dell’Inter

Parlare della voglia di primeggiare di Ibrahimovic è addirittura lapalissiano. Lo svedese è per antonomasia l’uomo del derby e delle emozioni forti e non perderà l’occasione per dimostrare che a 38 anni è ancora uno dei più forti nel suo ruolo. L’autostima è al massimo e i compagni sanno che, se alimentata, la sua fame può valere la differenza tra una vittoria o una sconfitta. Sarà lui l’ultimo a lasciare l’erba di San Siro.

Inter-Milan: Pioli contro il passato, Conte per lo scudetto

Grandi sfide anche tra i tecnici. Sopratutto per quel Pioli che all’Inter fin troppo presto hanno bollato come allenatore perdente e non pronto a guidare una big. Il confronto con Conte lo spingerà a dare il massimo, quanto meno per bilanciare una statistica che adesso arride ancora al tecnico nerazzurro. Il salentino, dal canto suo sa che da una buona prestazione contro il Milan scaturiranno le proprie possibilità di strappare il trofeo agli ex bianconeri. Lo stop della Juve a Verona è come l’odore del sangue per gli squali. Agganciare il primo posto è un obbligo ineludibile.

In un match come questo anche i piccoli dettagli potranno fare la differenza, sopratutto se quei dettagli saranno i nuovi arrivati che per la prima volta assaporeranno l’aria di un San Siro smanioso di calcio. Tanti i volti nuovi da ambedue le parti ampiamente catechizzati sull’importanza di entrare nel rettangolo verde come su un campo di battaglia. Il derby è iniziato, che voi lo vogliate oppure no.

LEGGI ANCHE

LA PRIMA PAGINA

ULTIME NOTIZIE

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!