Calcio Serie A Milan-Cagliari, Pioli vuole chiudere da imbattuto contro Zenga

Milan-Cagliari, Pioli vuole chiudere da imbattuto contro Zenga

Il Milan certo del posto in Europa League vorrà chiudere il campionato con una vittoria e ottenere il 12esimo risultato utile dal post lockdown in poi. Il Cagliari, invece, vuole consolidare le certezza viste contro la Juventus e chiudere da decimi in classifica.

Milan contro Cagliari è la sfida che conclude una stagione piuttosto in chiaroscuro per entrambe. I rossoneri, nel corso della prima parte della stagione, hanno vissuto momenti drammatici con poca motivazione una posizione di classifica vicina alla zona retrocessione. Il Cagliari, al contrario, posizionato in piena zona Europa League, dopo una serie di sconfitte, ha abbandonato completamente il sogno. Il periodo negativo per entrambe è costata la panchina a Marco Giampaolo e Rolando Maran. Con Pioli per il Diavolo e Zenga per i sardi, le due compagini hanno ritrovato la forza per concludere al meglio la stagione.

Pioli, nella sfida di San Siro, vorrà festeggiare la conferma in panchina e per farlo punta al 12esimo risultato utile consecutivo. Infatti, i rossoneri non hanno mai perso dal post lockdown. Con il sesto posto ormai archiviato, la sfida contro il Cagliari potrebbe permettere di chiudere in bellezza la stagione e ripartire dalle certezze nelle ultime partite. Per Zenga, invece, ottenere tre punti significherebbe dare continuità all’impresa con la Juventus, togliersi una seconda soddisfazione, ovvero quella di vincere contro una big del nostro calcio e tentare di chiudere in decima posizione.

Milan-Cagliari, Ibrahimovic contro Simeone: bomber a caccia di conferme

Giovanni Simeone
Giovanni Simeone, attaccante del Cagliari

Le due squadre hanno costruito un’identità di gioco in questi mesi e, di conseguenza, l’aspettativa è una sfida piuttosto frizzante. Il Milan è trascinato dalle giocate di Calhanoglu e i goal di Ibrahimovic mentre il Cagliari ha ritrovato Simeone dopo una serie di prestazioni altalenanti. Il 25enne argentino vorrebbe andare a segno per la 13esima volta in stagione e, dunque, partirà titolare nel tridente formato da Gagliano e Paloschi, chiamato a sostituire l’infortunato Joao Pedro.

Per Stefano Pioli l’assenza più pesante sarà quella di Ante Rebic. Il croato non è presente nella lista dei convocati e, dunque, dal primo minuto partirà Leao, autore di un grande goal nella vittoriosa trasferta di Genova contro la Sampdoria. A centrocampo Kessie e Bennacer mentre in panchina andranno alcuni calciatori della Primavera pronti al debutto nel massimo campionato.

ULTIME NOTIZIE

LE PIU' LETTE

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui