SERIE A

News e Calciomercato

Serie A, si discute su contratti ed allenamenti. Napoli e Lazio ripartono prima di tutti

Gli stipendi al centro della videoconferenza di ieri. Tommasi esprime il punto di vista dell'AIC, mentre la scelta di azzurri e biancocelesti fa discutere

L’ennesima conference-call della Lega Serie A si è incentrata stavolta sul nodo stipendi. Dal momento in cui sono state sospese le attività, si è iniziato a discutere in merito alla sospensione degli stipendi dei calciatori nel mese di marzo. Ebbene, secondo calciomercato.com, tutti i club di Serie A concordano su tale decisione.

Di contro, il presidente dell’AIC Damiano Tommasi ha preferito non sbilanciarsi. L’Associazione Calciatori è un organo a tutela degli stessi e non può prendere decisioni in rappresentanza dei diretti interessati. L’ultima parola, dunque, spetta agli atleti, come ricorda Tommasi“Prima vanno quantificati i danni e questo procedimento è possibile solo quando sapremo se la stagione finirà o no. Il problema del taglio degli stipendi va posto a tempo debito. L’AIC non può imporre ai calciatori di accettare eventuali tagli. Possiamo dare una linea, ma sulle rinunce decidono i singoli”.

Allenamenti, Lazio e Napoli contro Tommasi e le direttive dei medici sportivi

LazioNapoli con ogni probabilità saranno le prime due formazioni di Serie A a riprendere gli allenamenti. I club hanno optato per decidere ognuno per conto proprio, perciò le squadre di Inzaghi Gattuso ricominceranno a sudare da mercoledì 25 e giovedì 26 marzo. Nei giorni scorsi, LotitoDe Laurentiis erano stati al centro di una polemica con il presidente della Juventus Andrea Agnelli, che avrebbe interpretato la loro decisione come una strategia legata alla classifica. Lazio Napoli finirebbero per rispettare le direttive del Ministero della Salute relative alle attività sportive all’aperto. I due club, tuttavia, hanno deciso di non attenersi alle indicazioni dei medici sportivi – che consigliavano di posticipare la ripresa al 3 aprile – e di Damiano Tommasi.