sabato, 4 Luglio 2020 - 23:22
Calcio Serie A Una domenica nel segno di Inter e Milan: Pioli trova continuità, riscatto...

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Una domenica nel segno di Inter e Milan: Pioli trova continuità, riscatto per Conte

Inter e Milan vincono le loro partite contro Parma e Roma. Vittoria importante per gli uomini di Stefano Pioli, che corrono verso l'obiettivo Europa League. Antonio Conte sorride ma non troppo: prestazione sottotono dei nerazzurri e difesa che continua a ballare. Lavoro, forza e mentalità vincente, il finale di stagione sarà decisivo per programmare un futuro ormai prossimo

“Una domenica bestiale” è questo il titolo che potrebbe sintetizzare la giornata di campionato di Inter e Milan. Le due squadre milanesi riescono a vincere i loro rispettivi impegni contro Parma e Roma. Partita, sulla carta, più difficile per i rossoneri che riescono a battere i capitolini grazie ai goal di Rebic e Calhanoglu; nerazzurri che soffrono fino all’83’ ma grazie ai due colpi di testa di De Vrij e Bastoni riescono ad agguantare una vittoria quasi impossibile.

La squadra di Stefano Pioli conquista 3 punti importanti per la corsa Europa League. Nella prossima partita, i rossoneri affronteranno la SPAL e in caso di vittoria sarebbe dopo la terza consecutiva dopo Lecce e Roma. Il team di Antonio Conte, non presente in panchina per squalifica, è riuscito a portare a casa una vittoria molto importante per il morale e per l’allungo sulla zona Champions League: i punti di vantaggio, sulla Roma quinta in classifica, sono 13 con 10 giornate ancora da disputare. Nella prossima sfida, i nerazzurri affronteranno il Brescia.

Milan, Pioli vince e convince, nonostante Rangnick

Il Milan vince contro una Roma imbarazzante sul piano fisico e mentale. Le scelte di Fonsecasi rivelano molto discutibili, ma al di là della tenuta di alcuni giocatori, ad incidere sulla prestazione dei giallorossi sono i numerosi problemi finanziari e dirigenziali che tormentano la società. Un clima non ideale per puntare alla Champions League.

Una partita giocata alla perfezione, invece, dai ragazzi di Stefano Pioli che dopo un primo tempo giocato a ritmi bassi, disputano un ottimo secondo tempo, sfruttando le qualità di Ante Rebic, in stato di grazia dopo l’arrivo del tecnico ex Inter, 8 goal nelle ultime 9 di Serie A e di un Calhanoglu completamente rigenerato. Da sottolineare anche le performance importanti di Theo Hernandez, Bonaventura e il subentrato Paquetà.

Ante Rebic e Hakan Calhanoglu
Ante Rebic e Hakan Calhanoglu, attaccante e centrocampista del Milan

Dalle parti di Milanello, nonostante la vittoria di San Siro, continua ad aleggiare la figura di Ralf Rangnick. L’allenatore tedesco è pronto a sposare la causa rossonera, il suo nome è in cima alla lista di Gazidis per il prossimo anno, a meno di clamorosi colpi di scena sarà lui a guidare il Milan il prossimo anno. D’altra parte l’operato di Pioli, fino a questo momento, è stato soddisfacente, nonostante le tante critiche, il tecnico vuole centrare l’obiettivo richiesto dalla società: l’Europa League. Lucidità, concentrazione e mentalità, sono questi i fattori aggiunti del Milan rispetto a qualche mese fa. Anche il cambio di modulo dal 4-4-2 al 4-2-3-1 sembra aver dato i suoi frutti. Nonostante l’assenza Ibrahimovic, il Milan c’è.

Inter, Conte vince di “testa”: ma la difesa continua a ballare

Vince il Milan e vince anche l’Inter che si rialza dopo il pareggio casalingo contro il Sassuolo. La partita del Tardini si mette subito male, con il vantaggio del Parma firmato Gervinho nelle battute iniziali. I nerazzurri rischiano il tracollo, ma i cambi azzeccati del vice allenatore Stellini (in panchina per la squalifica di Conte) cambiano la partita. De Vrij prima e Bastoni poi regalano 3 punti fondamentali ai meneghini.

Antonio Conte, però, dovrà lavorare sul reparto difensivo. Dal suo arrivo all’Inter, la difesa era stata un punto di forza per la Beneamata. Dopo il lockdown però in quattro partite, compresa la Coppa Italia contro il Napoli, i nerazzurri hanno subito 6 goal. La squalifica di Skriniar e un De Vrij che nonostante il goal non è apparso in serata, non hanno giovato alla squadra milanese. Godin è stato il migliore della difesa. Bastoni, subentrato proprio all’uruguaiano, è stato decisivo per la vittoria, ma dovrà continuare a lavorare. Conte dovrà parlare ai suoi difensori, recuperare le energie, in vista dello sprint finale.

Parma-Inter
Parma-Inter: Bastoni e De Vrij rimontano i ducali e regalano tre punti ad Antonio Conte

Eriksen e Lautaro Martinez finiscono dietro alla lavagna, mentre Lukaku e Barella  sono stati gli unici che hanno provato a dare una scossa alla squadra. Il tecnico salentino, da parte sua, è alle prese con una lunga lista di infortunati e il recupero di Brozovic sarà fondamentale per i due reparti. Il rendimento dei nerazzurri cala incredibilmente con l’assenza del croato che fa da collante tra difesa e attacco. Le prossime gare saranno indicative per definire il futuro di Inter e Milan, con la speranza che la città di Milano, la Scala del Calcio, possa tornare finalmente a risplendere.

LEGGI ANCHE

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui