martedì, 26 Maggio 2020 - 07:32
Calcio Parma Il Parma non si arrende: "Porte chiuse? Non cambia niente"

Il Parma non si arrende: “Porte chiuse? Non cambia niente”

Le parole del tecnico del Parma, D'Aversa, alla vigilia della partita di campionato con la Spal: concentrazione sulle gare a porte chiuse, sulla mancanza di pubblico. Contro la Spal l'imperativo è vincere

Domani alle 12:30 il Parma ospiterà la Spal per il recupero della 7° giornata di ritorno della Serie A. Un derby tutto emiliano che dovrà però giocarsi a porte chiuse dopo il DPCM del 4 marzo, emanato per l’emergenza coronavirus che sta riguardando l’Italia.

La partita è stata presentata dal tecnico dei crociati Roberto D’Aversa nella consueta conferenza stampa pre gara: “La Spal verrà qui per cercare di giocarsi una possibilità per recuperare posizioni in classifica, in questo momento è ultima e verrà qui per fare un risultato pieno; le motivazioni saranno molto importanti, per noi è una gara importante perchè ci permetterebbe di avvicinarci di gran lunga al nostro obiettivo. L’unica cosa da fare è mettere da parte tutto questo periodo dove ci sono state difficoltà molto più importanti di una partita di calcio, ovvero problemi di salute. Dobbiamo restare concentrati sull’impegno singolo di domani per fare si che si possa dare valore a quello che questi ragazzo stanno facendo dal primo giorno di ritiro, cioè avvicinarsi di molto all’obiettivo salvezza”.

Parma-Spal, D’Aversa: “Squalifica? Dall’alto si vede molto meglio l’aspetto tattico “

La gara con la Spal, come detto, si giocherà a porte chiuse. Il tecnico D’Aversa si è espresso anche in tal senso: “Quella delle porte chiuse è una situazione anomala, difficilmente ci si è ritrovati a giocare in queste condizioni quindi non c’è uno storico o un’esperienza da poter lavorarci o migliorare questo aspetto: dobbiamo essere bravi quando si scende in campo come quando c’è un pubblico fuori casa e ci sono dunque dei fattori esterni che possono influenzarti e distoglierti dalla concentrazione della partita, così i ragazzi domani dovranno essere altrettanto bravi a rimanere concentrati dal primo secondo. Questa abitudine la avranno fin dal riscaldamento e in quel momento la squadra deve capire l’ambiente in cui si ritrova a giocare”.

Anche un battuta, in chiusura di conferenza stampa, sul fatto che il tecnico dei gialloblu non potrà essere in panchina per squalifica: “Rispetto a vivere la gara a bordo campo ci sarà differenza non potendo essere accanto ai giocatori. Se guardiamo l’aspetto positivo la partita dall’alto si vede molto meglio anche sotto l’aspetto tattico”.

SEGUI LA JUVE SU INSTAGRAM

671,9k Followers
Follow

LEGGI ANCHE

LA PRIMA PAGINA

ULTIME NOTIZIE

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!