SERIE A

News e Calciomercato

Coronavirus, Juan Jesus: “É una guerra invisibile, situazione drammatica”

Una situazione drammatica quella che sta vivendo l'Italia, letteralmente falcidiata da un nemico invisibile: il Coronavirus. Un momento di grave emergenza sottolineato anche dal difensore della Roma Juan Jesus

Coronavirus, Juan Jesus: “É una guerra invisibile, situazione drammatica”. La Serie A è ferma ormai da quattordici giorni, uno stop che passa chiaramente in secondo piano in un momento di grave emergenza come quello che sta attraversando il nostro Paese e, più in generale, il mondo intero. Il Coronavirus continua indistintamente a mietere vittime e a costringere il governo a rivedere, di giorno in giorno, le misure di sicurezza per tutelare la salute di un popolo e di una Nazione messi letteralmente in ginocchio nel giro di qualche settimana.

Una situazione di profonda emergenza rimarcata anche dal difensore della Roma Juan Jesus ai microfoni di Radio Colorada e Fox Sports: “L’Italia ha superato la Cina nel numero di decessi, il momento è drammatico e non sappiamo quando finirà. É una guerra invisibile e ovviamente siamo tutti molto preoccupati. Stare in quarantena è difficile, anche perché hai il tempo di pensare a tutto quello che sta succedendo. Ci sono casi anche in Brasile, ma parlo spesso con la mia famiglia e, fortunatamente, stanno tutti bene”.

Su una possibile ripresa del campionato: Difficile continuare a giocare e riprendere il campionato, quando ci sono così tante vite in gioco. La mia condizione fisica? Passa tutto in secondo piano. Chi ne ha la possibilità, deve stare in quarantena il più a lungo possibile. Io almeno ho una bella casa in cui vivere, ci sono tante persone che non hanno la stessa fortuna. C’è una signora, ad esempio, che lavora per noi e la sua famiglia non può lavorare per ora. Faremo di tutto per aiutarli”.