Calcio Roma Roma, Roberto Scarnecchia: "A Pallotta è mancata la pianificazione. Florenzi? Si parla...

Roma, Roberto Scarnecchia: “A Pallotta è mancata la pianificazione. Florenzi? Si parla tanto di bandiere, ma…”

La Roma abbraccia finalmente Dan Friedkin, Chris Smalling è ad un passo dal ritorno nella Capitale. Sono tanti gli argomenti affrontati nel corso della nuova puntata di Roma Station condotta da Andrea Felici: tra gli ospiti Roberto Scarnecchia, ex giocatore di Roma e Milan, vincitore di due Coppe Italia consecutive con la maglia giallorossa

La Roma ancora scossa dal recente infortunio di Nicolò Zaniolo si consola con l’arrivo nella Capitale della nuova proprietà Friedkin. Inizia per il club giallorosso una nuova era, un’era che i tifosi sperano sia produttiva e vincente, ma per far sì che ciò avvenga c’è bisogno di un progetto a lungo termine e soprattutto servirà tanta pazienza. Dan e Ryan Friedkin purtroppo ereditano una grave situazione finanziaria, motivo per cui prima di eventuali colpi di mercato in entrata, bisognerà sistemare quei giocatori che non rientrano nei piani futuri del tecnico Paulo Fonseca. Il ritorno di Chris Smalling, ormai ad un passo, è un ottimo biglietto da visita, il ritorno di Francesco Totti in dirigenza con un ruolo da protagonista e non come semplice comparsa, è il sogno del popolo giallorosso.

La folla romanista non chiede la luna, non ne ha bisogno, ma pretende rispetto: l’importante è che le promesse vengano mantenute. Tutti gli argomenti verranno analizzati con la lente d’ingrandimento da Andrea Felici, direttore di Roma Daily News Tv, nel corso della puntata numero 532 di Roma Station che, di recente, ha annunciato una nuova ed entusiasmante collaborazione con Footballnews24.it.

FRIEDKIN ABBRACCIA LA SUA ROMA (Roma Station – Puntata n.532 del 11/09/20)

Nuovo appuntamento con la trasmissione, ideata e condotta da Andrea Felici, interamente dedicata all'AS ROMA in onda dal lunedì al venerdì alle 18:30 in diretta video su Facebook e YouTubeI principali argomenti trattati:- Il secondo giorno di Friedkin a Trigoria- Florenzi al PSG: solo prestito- Smalling si allena ancora a parte: non sarà convocato dallo United- Under esce dalla trattativa Milik: il Napoli chiede 35 MLNTutti i messaggi arrivati durante la trasmissione saranno letti in diretta

Pubblicato da Roma Daily News su Venerdì 11 settembre 2020

Roma, Roberto Scarnecchia ospite di Andrea Felici su Roma Station

Ospite di Andrea Felici su Roma Station, Roberto Scarnecchia, ex giocatore di Roma e Milan, vincitore di due Coppe Italia consecutive nelle stagioni 1979-1980 e 1980-1981, ha rotto il ghiaccio, ripercorrendo proprio la sua carriera: “Sono arrivato giovanissimo alla Roma, ma sono riuscito ugualmente a fare il salto di qualità grazie a Niels Liedholm. Ero molto veloce e dotato di un’ottima forza fisica. Liedholm per me è stato un padre, prima che un allenatore, ero il suo pallino, forse per il mio modo di giocare così estroso. Probabilmente per questo motivo mi ha voluto poi anche al Milan“.

Roberto Scarnecchia arriva alla Roma nel 1977 quando l’allora presidente giallorosso era Anzalone, noto per aver costruito Trigoria e per aver portato in giallorosso Niels Liedholm e Roberto Pruzzo. Nel 1979, però, il patron originario di Roiate cede il testimone a Dino Viola che darà inizio ad un ciclo di vittorie importante per la Roma: “Il campionato 1979-1980 è stato di rodaggio, poi nell’80-81 con la vittoria per 4-2 contro l’Inter prima in classifica a Milano abbiamo capito che eravamo diventati noi la squadra da battere, tant’è vero che nei cinque anni successivi abbiamo vinto tutto, scudetto, tre Coppe Italia, una finale di Champions League”.

Così come Florenzi, ufficiale il trasferimento in prestito al Psg, nel 1983 Scarnecchia lascia la Roma per accasarsi al Napoli: “Tante volte si parla di attaccamento alla maglia. Io ero titolare fisso, ero contentissimo di essere un giocatore della Roma, ma passare da una società ad un altra mi ha permesso di fare un salto di qualità a livello economico. Alcuni giocatori fanno i buon samaritani e a me questa cosa dà fastidio. Bisogna essere onesti, anche perchè il nostro è un lavoro a tutti gli effetti”.

Roma, Roberto Scarnecchia: "A Pallotta è mancata la pianificazione. Florenzi? Si parla tanto di bandiere, ma..."
Roberto Scarnecchia, ex calciatore di Roma e Milan

Nel ruolo in cui si è messo in luce Roberto Scarnecchia la Roma ha a disposizione Cengiz Under e Justin Kluivert, ma nessuno dei due fin qui è riuscito a convincere Paulo Fonseca: “Io tra i due preferisco Under. Parliamo di due buoni giocatori che non hanno brillato, ma non hanno fatto malissimo. Sono giovani, hanno giocato a corrente alternata, e secondo me meritano di restare in rosa, meritano una seconda opportunità”.

Roberto Scarnecchia però non si è dedicato solo calcio, una volta appese le scarpe a chiodo, l’ex calciatore di Roma e Milan si è laureato alla Harvard, università privata statunitense di Boston (Massachusetts), specializzandosi alla School education human development marketing and communication. Che cosa ha determinato il fallimento della gestione Pallotta? “È mancata la pianificazione. Quando un architetto, un ingegnere progettano un edificio, devono essere sul posto per vedere cosa fa il capocantiere. Secondo me Pallotta è mancato in questo, ma devo fare i complimenti a Guido Fienga e Mauro Baldissoni perchè sono riusciti a guidare un’azienda così importante, nonostante chi mettesse i soldi non fosse quasi mai presente. È mancata una strategia, una pianificazione, perchè l’attuazione c’è stata, anche se approssimativa nelle idee”.

Dan Friedkin proprietario della Roma
Dan Friedkin, proprietario della Roma

La Roma ha cambiato di recente proprietà. Dan Friedkin ha ereditato da James Pallotta una grave situazione economica e finanziaria che condizionerà il mercato in entrata. Da un punto di vista della rosa, che cosa manca alla Roma per essere competitiva in campionato? “L’infortunio di Zaniolo ha compromesso le certezze della Roma. Abbiamo a disposizione una rosa molto forte, Pedro e Mkhitaryan saranno fondamentali, ovviamente non si possono cedere due giocatori come Veretout e Dzeko. Servirebbe qualche cessione e almeno due rinforzi in entrata, un difensore centrale e soprattutto un attaccante”.

NOTIZIE PER TE

Calciomercato Roma, vice Dzeko: si tratta con il Real Madrid

Il bisogno della Roma di trovare un vice Dzeko parte da lontano, dal periodo di lokckdown in cui dalle parti di Trigoria si programmava la stagione successiva. Il tutto, però, è stato reso...

Roma, Kumbulla insidia Cristante: chi partirà dal 1′ contro la Juventus?

Il neo acquisto della Roma, Marash Kumbulla, ha seguito dalla panchina il pareggio, poi diventato sconfitta a tavolino, maturato a Verona contro i suoi ex compagni. Una scelta comprensibile...

Roma, Fonseca rischia: Juventus decisiva, Allegri alla finestra

La Roma è reduce da un pareggio divenuto sconfitta, un 3-0 a tavolino che cancella un punto in classifica ma soprattutto danneggia l'immagine della società. Il caos Diawara, tuttavia, non è l'unica...

Roma, torna di moda Rudiger: attenzione al Barcellona

Mancano ormai solo 2 settimane alla fine della finestra estiva di calciomercato, ma il Barcellona e la Roma sembrerebbero aver messo entrambe gli occhi su Antonio Rüdiger. L'insoddisfazione del...

Roma, la rivoluzione di Friedkin: pronto il ritorno di Totti?

Francesco Totti, dopo aver giocato 24 anni nell'attacco della Roma - e soprattutto dopo aver rinunciato anche alle presenze in Nazionale per la maglia giallorossa - si era ritirato...

Calciomercato Roma, pressing su Smalling: spunta un’alternativa

NEWS CALCIOMERCATO ROMA - La stagione appena terminata è stata all'insegna delle sorprese in casa Roma, non tutte però necessariamente negative. La nota più lieta dei giallorossi di Fonseca porta il nome...

LE ULTIME