Menu

Federico Chiesa, attaccante della Juventus

Calciomercato, appuntamento a gennaio: Hakimi all’Inter, Tonali al Milan, la Juventus chiude in bellezza con Chiesa

Appuntamento a gennaio. L’ultimo giorno di calciomercato sorride a Juventus e Fiorentina, un po’ meno al Milan che non riesce nell’impresa di regalare un’alternativa in difesa a Stefano Pioli. Bene la Roma, anche se l’acquisto di Smalling più che una trattativa di mercato è sembrata un parto, si chiude invece senza emozioni la sessione di mercato estivo dell’Inter.

Il grande colpo delle battute conclusive non può che essere il trasferimento di Federico Chiesa dalla Fiorentina alla Juventus: prestito biennale per il figlio d’arte con obbligo di riscatto fissato a 40 milioni di euro, se i bianconeri arrivano tra le prime quattro, o il giocatore gioca il 60% di presenze o totalizza almeno 10 goal e 10 assist nelle prime due giornate. La cessione di Chiesa ha permesso alla Viola di concretizzare diverse operazioni in entrata: la dirigenza gigliata ha rinforzato il pacchetto arretrato con gli acquisti di Martinez Quarta e di Antonio Barreca e nonostante non sia arrivato un rapace d’area di rigore, la Fiorentina si è consolata con Josè Maria Callejon, un jolly offensivo che non ha bisogno di presentazioni, viste le precedenti esperienze al Napoli e al Real Madrid.

Jose Maria Callejon, attaccante della Fiorentina
Jose Maria Callejon, attaccante della Fiorentina

È stata una sessione di calciomercato molto particolare, è vero l’epidemia di Covid-19 ha influito negativamente sulle casse economiche dei club, ma la maggior parte delle squadre di Serie A è riuscita a dire la propria al tavolo delle trattative. Non male le operazioni delle neopromosse, il Benevento ha rivoluzionato il reparto d’attacco con gli acquisti di Iago Falquè, Caprari e Lapadula, lo Spezia ha messo a segno ben 18 acquisti, mentre il Crotone ha limitato i danni soprattutto nelle battute conclusive.

La Serie A riabbraccia poi Deulofeu, dal Watford all’Udinese, Bakayoko, che ritrova al Napoli Gattuso e Chris Smalling, nuovamente al servizio del suo mentore Paulo Fonseca. La Lazio potrebbe definirsi la grande delusione di questa sessione estiva: i biancocelesti tornano nell’Europa che conta dopo 11 anni e probabilmente il tecnico Simone Inzaghi si aspettava qualche innesto di qualità ed esperienza per evitare di fare i conti, come lo scorso anno, con una panchina troppa corta per lottare su tre competizioni. Rivoluzione a 360 º per Parma e Genoa che cambiano l’allenatore, il direttore sportivo e il presidente, nel caso del Parma. Il nuovo patron americano ducale Kyle Krause sembrava Pinocchio nel Paese dei Balocchi in sede di calciomercato, con un sorriso che potrebbe dare entusiasmo ad una piazza importante come quella emiliana. L’Hellas piazza il colpo che non ti aspetti e soffia Nikola Kalinic al Torino che si consola con Bonazzoli e Gojak, centrocampista bosniaco che Pjanic avrebbe suggerito al ds granata Davide Vagnati.

Nikola Kalinic, attaccante dell'Hellas Verona
Nikola Kalinic, attaccante dell’Hellas Verona

Standing ovation per la dirigenza del Sassuolo che è riuscita a resistere al pressing dei top club, trattenendo in neroverde i vari Berardi, Boga e Locatelli. Roberto De Zerbi, sull’esempio dell’Atalanta, proverà a stupire gli amanti del bel gioco anche in questa nuova stagione. C’è chi invece ha già stupito abbastanza e preferirebbe raccogliere qualcosa di più concreto: è proprio il caso della Dea di Gasperini e dell’Inter di Antonio Conte. Due squadre diverse, accomunate dagli stessi colori e da un obiettivo, vincere lo scudetto per porre fine al dominio incontrastato della Juventus.

Dopo Freuler, Gosens, Hateboer e Malinovskyi, l’ultima trovata degli orobici potrebbe essere Aleksej Miranchuk, il centrocampista russo ha già fatto male ai bianconeri con la maglia della Lokomotiv Mosca e potrebbe concedere il bis in Serie A. I bergamaschi non sono più una sorpresa, la semifinale di Champions sfiorata lo scorso anno ne è la testimonianza, ma adesso forse è arrivato il momento di spingersi un po’ più in là. Discorso analogo anche per l’Inter, i nerazzurri hanno costruito una corazzata: Hakimi può vendicare l’errore fatto in passato con la cessione di Roberto Carlos al Real Madrid, Arturo Vidal è il Guerriero di cui Conte aveva bisogno in fase di interdizione. Si è parlato tanto di Kantè ma davvero il centrocampista del Chelsea era così fondamentale? Nainggolan potrebbe rivelarsi l’asso nella manica a stagione in corso, Eriksen una soluzione da non sottovalutare, così come Milan Skriniar. L’Inter ha salutato Godin, ma non è da escludere che il centrale slovacco possa convincere l’allenatore salentino a tornare sui propri passi.

Achraf Hakimi, esterno dell'Inter @imagephotoagency
Achraf Hakimi, esterno dell’Inter @imagephotoagency

Tutto da decifrare il futuro della Juventus. Il club bianconero ha salutato Maurizio Sarri, nonostante lo scudetto, ed ha affidato la panchina ad Andrea Pirlo, il Maestro avrà l’ardua missione di guidare la rivoluzione giovanile della Vecchia Signora che ha finalmente sbloccato la questione esuberi, riducendo il monte ingaggi: addio ai vari Higuain e Matuidi, arrivederci a De Sciglio, Rugani e Douglas Costa. Inizia un nuovo ciclo, gli acquisti di Arthur, McKennie e Kulusevski potrebbero dare nuova linfa a quel centrocampo che negli anni passati è stato l’anello debole della squadra Campione d’Italia. L’obiettivo sarà riconfermarsi in Italia, per l’Europa bisogna lavorare, ma guai a dire gatto se non ce l’hai nel sacco.

Milan, Napoli e Roma, chi riuscirà a centrare la qualificazione in Champions? L’ultima partecipazione dei rossoneri risale a 6 anni fa, i partenopei devono riscattare il blackout della prima parte della scorsa stagione, mentre per i giallorossi inizia una nuova era. La squadra allenata da Stefano Pioli, nonostante non sia arrivato il difensore sul gong, si è mossa bene sul mercato, assicurandosi Sandro Tonali, il talento più puro del calcio italiano. L’acquisto di Brahim Diaz dal Real Madrid potrebbe rivelarsi un’ottima mossa, come del resto lo è stato Theo Hernandez lo scorso anno. Il Napoli, invece, ha messo a segno l’acquisto più costoso della sessione estiva, scommettendo sulle qualità balistiche di Victor Osimhen e chissà che l’ex Lille non riesca a riportare ai vertici gli azzurri.

Sandro Tonali, nuovo centrocampista del Milan @imagephotoagency
Sandro Tonali, nuovo centrocampista del Milan @imagephotoagency

Inizia ufficialmente l’era Friedkin per la Roma, la situazione ereditata dalla precedente gestione Pallotta non ha aiutato la nuova proprietà americana che ha dovuto risolvere alcune questioni interne prima di dedicarsi al mercato. Un mercato condizionato e penalizzato dall’assenza di un direttore sportivo con gli attributi. Si è parlato di Paratici, di Rangnick, ma alla fine la campagna acquisti è stata gestita dagli intermediari e così i capitolini hanno dovuto rinunciare prima a Milik e poi ad El Shaarawy. Fonseca riabbraccia Smalling e nel frattempo si gode Pedro Rodriguez. Tanti acquisti, tanti colpi di in entrata, ma chi riuscirà ad imporsi? Sarà il campo come sempre ad emettere il verdetto, si spera che nonostante le innumerevoli difficoltà legate al virus lo sport possa continuare a riempire le nostre giornate, che i tifosi possano tornare allo stadio ad incitare la propria squadra.

Chris Smalling, difensore della Roma
Chris Smalling, difensore della Roma

Quanto successo in occasione del posticipo di Serie A tra Napoli e Juventus è stata una caduta di stile notevole, l’Italia per l’ennesima volta ha dato una cattiva immagine di sè all’Europa e al mondo. Al di là che si tratti della terza o della quarta industria, il calcio è lo sport che più entusiasma il BelPaese e allora perchè fermarsi, perchè vincere a tavolino, perchè un Tribunale deve assegnare la vittoria quando ci sono giocatori che guadagnano fior di quattrini per determinarla. Chi si ferma è perduto! Non chiediamo tanto, ci basta una rete all’ultimo secondo, un gol del nostro campione preferito, una trattativa di mercato che salta sul più bello, un’altra che invece si realizza clamorosamente….

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.