Menu

Calciomercato Inter, dubbi atavici e un mercato senza risorse: a giugno si vedrà…

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter @Image Sport
Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter @Image Sport

Poche risorse e alcune esigenze storiche. L’Inter deve fare di necessità virtù e aspettare che Suning riapra i rubinetti. Nel frattempo, seppur a rilento, si starebbe ragionando su qualche soluzione in vista di giugno

Calciomercato Inter, esterno sinistro: Di Marco in estate

Young, Darmian, Dalbert, Kolarov e tanti, tantissimi altri giocatori che, chi per un motivo, chi per un altro, non hanno mai convinto a pieno nessun tecnico che si è seduto sulla panchina nerazzurra. Dalla disperazione, o forse in preda ad un delirio di onnipotenza, Antonio Conte ad inizio campionato provò per qualche gara anche Perisic in quella posizione e i risultato, purtroppo, per i tifosi nerazzurri, furono disastrosi. La ricerca di un esterno mancino da 3-5-2, ammesso che Conte il prossimo rimanga alla guida dell’Inter, vista anche le voci della passata stagione, diventa una necessità da soddisfare e dalla quale non si potrebbe più prescindere.

Federico Dimarco (Hellas Verona)
Federico Dimarco (Hellas Verona)

LEGGI ANCHE Calciomercato, svolta Eriksen: resta all’Inter?

LEGGI ANCHE Calciomercato Inter, Marotta bluffa: due affari per arrivare a Gomez

Un’operazione intelligente, però, in passato, l’Inter la fece mandando a giocare Federico Di Marco. Adesso il prodotto del vivaio interista sta facendo bene nel Verona di Ivan Juric e in vista dell’estate potrebbe aprirsi lo spiraglio per un possibile ritorno alla base. La società scaligera e l’Inter, al momento dell’approdo di Di Marco in gialloblù, infatti, avrebbero già fissato le cifre per il possibile riscatto e contro riscatto: 4,5 milioni per il Verona e 6 milioni per i nerazzurri. Insomma; una possibilità da valutare, specie se Di Marco dovesse continuare a giocare in questo modo qui.

Calciomercato Inter, dubbi in porta: i preferiti di Marotta e Ausilio

L’altro dubbio, quello forse più importante, è in porta. L’Inter non essere convinta più convinta di Samir Handanovic e starebbe studiando una soluzione per il futuro. Le dichiarazioni di Conte (“dimenticatevi l’Inter nel calciomercato), però, non fanno ben sperare e sanciscono, semmai ce ne fosse stato ancora bisogno, la parziale, ma quasi totale, chiusura dei rubinetti da parte di Suning. Ragionare a lungo termine, quindi in vista di agosto, diventa difficile ma la storia di Handanovic in nerazzurro potrebbe essere arrivata al capolinea. Da tempo, infatti, Marotta ed Ausilio si starebbero muovendo alla ricerca di un sostituto e la lista si sarebbe ridotta a due nomi: quello di Juan Musso e di Pierluigi Gollini.

Juan Musso (Udinese)
Juan Musso, portiere dell’Udinese

LEGGI ANCHE Benevento, Pinamonti dice sì: si attende l’ok di Conte

LEGGI ANCHE Calciomercato Inter, idea per l’attacco: Marotta pesca in Premier League

L’argentino, secondo Calciomercato.com, sarebbe il preferito della società ma le richieste dell’Udinese, con cui l’Inter si ritroverebbe a trattare, sarebbero altissime. Ecco che quindi le quotazioni di Gollini sarebbero in risalita e non è detto che si possa cambiare definitivamente obiettivo. La situazione fra i pali è mutevole in casa Inter ma la situazione finanziaria non permette investimenti immediati. Handanovic ha fatto tanto ma ora potrebbe lasciare.

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.