Paulo Dybala e Cristiano Ronaldo, attaccanti della Juventus (Photo by @imagephotoagency)

Calciomercato Juventus, rivoluzione a fine stagione: Ronaldo, Dybala, McKennie in bilico

Molto probabile che a fine stagione arrivi una vera e propria rivoluzione bianconero per cercare di aprire un nuovo ciclo vincente in Italia e in Europa: facciamo il punto della situazione

Juventus, il ciclo si è chiuso

La stagione in corso per la Juventus rappresenta a tutti gli effetti l’inizio di un periodo di transizione: Il ciclo vincente degli ultimi dieci anni si è chiuso con l’arrivo di Andrea Pirlo, pronto ad aprirne un altro. Il problema della Juventus è che l’obiettivo di ogni anno è quello di vincere e ogni periodo passato senza trionfi è considerato a tutti gli effetti un fallimento. La posizione dell’attuale tecnico bianconero è già in bilico e ulteriori risultati negativi potrebbero portare anche ad un clamoroso esonero.

C’è la possibilità però di chiudere questo ciclo in bellezza con un trionfo in finale di Coppa Italia, una partita che potrebbe riscattare una stagione con più ombre che luci e dare nuovo slancio al prossimo corso bianconero. La Juventus così è pronta a mettere in discussione la posizione di Andrea Pirlo, ma anche quella di molti calciatori attualmente in rosa. Cerchiamo di fare quindi il punto sulle situazioni di Cristiano Ronaldo, Dybala, McKennie e di altri elementi della rosa, analizzando cosa potrebbe accadere nella prossima probabile rivoluzione a fine stagione.

SEGUI TUTTE LE NOTIZIE SULLA JUVENTUS

Calciomercato Juventus, rivoluzione a fine stagione: Ronaldo, Dybala, McKennie in bilico

Juventus, il punto su Cristiano Ronaldo e Pirlo

Cristiano Ronaldo è il punto fermo della Juventus, arrivato in pompa magna con la missione purtroppo fallita finora di centrare la vittoria della Champions League. Il fuoriclasse portoghese ha ancora un anno di contratto e a meno che clamorosamente la Juventus non manchi la qualificazione alla prossima coppa europea, dovrebbe restare per tentare un ultimo assalto. Il suo stipendio è un grosso ostacolo per il calciomercato in entrata, ma la sua importanza a livello mondiale e il suo brand forte possono aiutare i bianconeri a continuare ad essere sempre più appetibili.

Esultanza Juventus @Image Sport
Esultanza Juventus @Image Sport

Dybala, McKennie e Arthur stanno vivendo un’altra situazione molto particolare, perché la recente esclusione della rosa a causa della violazione delle norme anti-Covid ha cambiato di molto le opinioni della dirigenza su questi tre giocatori, adesso non considerati più imprescindibili. Il giocatore più vicino alla cessione è proprio Dybala, ormai spesso lontano dal campo a causa di infortuni vari e lontano dal progetto bianconero: la sua condotta deludente ha creato una frattura difficilmente sanabile. McKennie e Arthur dovrebbero rimanere in quanto patrimonio giovane e base solida per la Juventus del futuro.

Giorgio Chiellini
Giorgio Chiellini, difensore della Juventus

In bilico la permanenza di alcuni senatori come Giorgio Chiellini e Gigi Buffon, veri e propri simboli del vecchio corso della Juventus e ormai arrivati quasi al capolinea. Alcuni giovani talenti come Kulusevski invece potrebbero essere tutelati e confermati per cercare di concedergli il giusto tempo per migliorare e affermarsi in maglia bianconera. Il pilastro in difesa è certamente De Ligt, che farà parte della Juve del futuro assieme a Frabotta e Fagioli.

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus

Juventus, il possibile mercato in entrata

Una volta fatta luce sulle cessioni e sulle conferme, sarà il momento di fare chiarezza sull’allenatore del futuro. Sarà Andrea Pirlo? Dipenderà molto dalla conclusione di questa stagione: al giovane allenatore bianconero non è stato chiesto di vincere e convincere subito, ma adesso l’imperativo assoluto è quello di limitare i danni. Un buon piazzamento in campionato e la finale di Coppa Italia contro l’Atalanta saranno decisive per fare chiarezza su questo aspetto.

Per quanto riguarda il mercato in entrata, le idee sono tante ma bisognerà concretizzarle con intelligenza. Il CFO Paratici sta sondando il terreno sia in Serie A che all’estero: piace molto Mauro Icardi per l’attacco, mentre a centrocampo resta il sogno del clamoroso ritorno di Paul Pogba. Più percorribile la pista che porta a Leandro Paredes del PSG. Occorre anche ringiovanire il reparto difensivo per cercare di aprire presto un nuovo ciclo con una Juventus giovane e vincente. Vietati colpi di mercato troppo costosi e non realmente funzionali al nuovo progetto bianconero.

Fabio Paratici, CFO della Juventus
Fabio Paratici, CFO della Juventus

Servirà fare chiarezza su tutti questi aspetti per cercare di chiudere il ciclo attuale in modo dignitoso e di sfruttare al meglio questo periodo di transizione. L’obiettivo è quello di creare il giusto mix di giovani talenti e di giocatori esperti per riprendere a vincere al più presto e di continuare a mantenere la Juventus ai vertici del calcio italiano ed europeo. Al termine di questa stagione sicuramente la situazione sarà molto più chiara e potremo vedere finalmente prendere forma la Juventus del futuro.

fredy Guarin

Guarin, arresto in Colombia: “É una partita difficile, ma la vincerò”

Nicolò Zaniolo, centrocampista della Roma @imagephotoagency

Roma, Pallotta senza filtri: “Monchi? Non sapeva chi fosse Zaniolo”