Calciomercato Lazio, giallo Fares: c’è nervosismo

Il giallo Fares continua a insospettire i tifosi biancocelesti. Da due giorni il calciatore algerino ha tenuto le visite mediche, ma la Lazio non ha ancora annunciato l'ufficialità

Una trattativa che sin da subito è sembrata particolarmente problematica. Un mese di trattativa per trovare un accordo con la Spal, un’altra settimana per l’arrivo a Roma e le visite mediche. Adesso due giorni di silenzio e l’ufficialità ancora non è arrivata. Il giocatore non si allena ancora in gruppo, c’è nervosismo nell’aria. Forse la Lazio non è convinta dei test fisici tenuti dal ragazzo, ma non ci sono ancora notizie ufficiali al riguardo: tutto tace. Il calciatore algerino classe 1996 è cresciuto nelle giovanili del Bordeaux, poi è passato all’Hellas Verona. Dopo 5 anni di Hellas Verona è stato acquistato dalla Spal. Il giocatore ha anche collezionato 9 presenze con la Nazionale algerina.

Calciomercato Lazio, l’affare Fares avvolto nel mistero

Ancora non ci sono voci ufficiali sul perché la Lazio stia aspettando a dare l’ufficialità. L’esperto di calciomercato di SkySport Luca Marchetti ha spiegato che c’è tensione fra le parti: “La Lazio deve risolvere la grana Fares, lui ha fatto le visite mediche, ma non ha ancora firmato e il suo entourage si sta un po’ innervosendo e il ragionamento che fanno è che se questa firma non arriva, allora loro possono cominciare a guardarsi intorno“. Ci si aspetta che nei prossimi giorni la Lazio romperà il silenzio.

NOTIZIE PER TE

Lazio-Borussia Dortmund, la favola di Akpa Akpro

I tifosi della Lazio ricorderanno con gioia la serata di ieri, dopo 13 anni i biancocelesti affrontavano il tanto atteso ritorno in Champions League. Paura ma anche emozione aleggiavano...

Lazio, Inzaghi ritrova la sua squadra: Immobile è grande

E' sembrata la Lazio che avevamo tanto ammirato lo scorso anno nel nostro campionato: cinica, preparata e pronta a livello fisico. Tutte caratteristiche che a Genova, nella sfida contro la Sampdoria...

Prima la Juve e la Lazio, poi Inter, Atalanta, Roma e Milan: l’Italia guarda all’Europa… con la mascherina

E' un'Europa diversa, afflitta dal male che ha condizionato l'ultimo anno, che ha minato un'economia già in difetto, che ha condizionato la vita dell'umanità; da piccoli, quando tutto era...