Calciomercato Lazio: il punto della situazione

I nodi di mercato in casa Lazio stanno venendo al pettine, dopo gli ultimi assestamenti e si potrà considerare chiusa la sessione 

Il mercato della Lazio è da considerarsi chiuso, non sono previste operazioni importanti in entrata e in uscita solo qualche nome per sfoltire la rosa a disposizione di Inzaghi che è attualmente una delle più folte della Serie A. Le richieste dell’allenatore erano chiare, l’obbiettivo era quello di trovare un vice Immobile che convincesse più di Felipe Caicedo. Su questo fronte la dirigenza laziale non ha trovato la soluzione tanto desiderata, vista la difficoltà di trovare una squadra disposta ad accogliere le richieste di Lotito per il centravanti ecuadoriano e la politica societaria che impone di cedere prima di acquistare.

Per quanto riguarda il centrocampo la squadra è da considerararsi al completo. Gli acquisti di Milan Badelj, che si alternerà in mediano con il più esperto Lucas Leiva, Berisha, giocatore duttile che potrebbe giocare mezzala al posto di Parolo o più avanzato con e al posto di Luis Alberto, fanno si che il reparto ai nastri di partenza sia più completo e profondo rispetto alla passata stagione. Per quanto riguarda gli esterni la cessione di Felipe Anderson, di cui i tifosi biancocelesti hanno dovuto sopportare alti e bassi per 5 stagioni, è stata rimpiazzata dall’arrivo di Correa che garantisce più costanza del brasiliano. Sempre tra gli esterni ma tra quelli di destra, è da monitorare in questi giorni la situazione che riguarda il vice Marusic. I soli Patric e Basta per motivi diversi non danno garanzie al tecnico piacentino. Se la situazione complicata di Basta, a cui è stato intimato di cercarsi una squadra, dovessi risolversi, Tare piazzerebbe volentieri il colpo in quella zona del campo.

In difesa nel bilancio del mercato ha un peso specifico notevole la dipartita di Stefan De Vrij a parametro zero. Il giocatore olandese, arrivato alla Pinetina agli ordini di Mister Spalletti, è stato sostituito dall’esperto Acerbi. L’ex Sassuolo è sicuramente una garanzia di affidabilità ma nel cambio la squadra di Formello ha perso in futuribilità e capacità di far partire l’azione con qualità.

L’incognita più grande del mercato rimane quella che riguarda Sergej Milinkovic-Savic. Il presidente Lotito ha dato l’ultimatum ai club interessati al Serbo: chi lo vuole deve presentare un offerta ufficiale entro la giornata di domani. In caso non arrivasse Milinkovic sarebbe dichiarato incedibile e per lui sarebbe pronto un rinnovo contrattuale a 3 milioni e mezzo l’anno fino al 2023. Le pretendenti più attendibili sono il Real Madrid, con Lopetegui che preferirebbe un centrocampista brevilineo come Thiago Alcánta, e il Paris Saint-Germain, sotto l’occhio della Fifa per il fair play finanziario e quindi preferirebbe prendere il centrocampista prestito, formula poco gradita a Claudio Lotito. Sempre secondo il presidente è impossibile che il giocatore vada in un altra squadra italiana.

Ai tifosi non resta che aspettare un giorno e la situazione sul loro gioiellino sarà più chiara e definita.

TI POTREBBE INTERESSARE

Inter-Parma, Conte pensa al turnover: Perisic in attacco e difesa inedita

L'Inter attende a San Siro il Parma nella gara valida per sesta giornata di Serie A. I nerazzurri vogliono riscattare una prestazione sottotono offerta in Champions League contro lo...

Milan, tampone negativo e rinnovo: riecco Donnarumma

E' stata una settimana tesa quella del portierone del Milan Gianluigi Donnarumma che, dopo le tante, tantissime voci riguardanti il suo futuro e quindi il suo rinnovo, ha dovuto...

Torino-Lazio, per ora si gioca. Inzaghi, dov’è il comunicato?

Si gioca. Al momento non è stata presa alcuna decisione circa il possibile rinvio di Torino-Lazio. Il direttore sportivo dei biancocelesti Igli Tare nel prepartita della gara di Champions...