in

Calciomercato Milan, Kessie a rischio: colpo dall’Inter

Il Milan lavora al potenziale sostituto di Kessie, che potrebbe partire nella prossima estate: Maldini pesca in casa Inter

Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan (foto by @imagephotoagency)
Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan (foto by @imagephotoagency)

Calciomercato Milan, Kessiè desta preoccupazione

L’inizio di stagione di Franck Kessie non è sicuramente stato dei migliori. Il rigore sbagliato contro la Lazio e l’espulsione rimediata contro l’Atletico Madrid, sono i momenti più emblematici di come il giocatore del Milannon sia tranquillo. Situazione dovuta al rinnovo di contratto del giocatore ivoriano, che sembrava in un primo momento scontato ma che ora stenta ad arrivare. L’incubo per i tifosi milanisti, è quello di rivivere quanto successo con Donnarumma: il contratto di Franck scade l’anno prossimo, e sulle sue tracce ci sono alcuni top club come Tottenham, Manchester United e PSG, tutte squadre con una potenza economica superiore rispetto a quella di qualunque club italiano. La dirigenza milanista quindi, ha cominciato a muoversi per cercare di tutelarsi nel caso in cui l’ex Atalanta decidesse di salutare.


Scarica la nostra App



Leggi anche:


Brozovic, il sostituto del Presidente

Il primo nome sulla lista di Paolo Maldini sarebbe quello di Marcelo Brozovic. L’obiettivo del dirigente è ovviamente quello di trattenere Kessiè, ma nel caso in cui non dovesse riuscirci, il centrocampista dell’Inter rappresenterebbe il profilo ideale per i rossoneri. Il croato è attualmente in scadenza di contratto con l’Inter, che non è ancora riuscita a trovare un accordo per il rinnovo. Come riporta il Corriere dello Sport, per ora ci sarebbero stati solamente un colloquio informale. I vertici della dirigenza interista dovrebbero incontrare il padre-agente di Brozovic nei prossimi giorni per cominciare a discutere i termini della trattativa. Attualmente il numero 77 guadagna 4,2 milioni di euro; la richiesta del giocatore è di 6 milioni, ma l’intesa può essere raggiunta anche per una cifra poco superiore ai 5.