in

Calciomercato Milan, Kessié in stand-by: quattro nomi sul taccuino di Maldini

Il Milan sembra ormai destinato a separarsi da Kessié: per questo il direttore sportivo Maldini starebbe già pensando a varie alternative per sostituire l’ivoriano

Kessiè, centrocampista del Milan @Image Sport
Kessiè, centrocampista del Milan @Image Sport

Calciomercato Milan, rebus Kessié

Dopo i casi di Gigio Donnarumma e Hakan Calhanoglu, il casa Milan non ci si aspettava un’altra telenovela rinnovo, come invece sta accadendo con Franck Kessié. L’ivoriano, dopo aver giurato amore eterno in estate alla squadra rossonera, attualmente è ancora in bilico tra permanenza ed addio. L’ex centrocampista dell’Atalanta pretenderebbe uno stipendio eccessivo per gli standard del Diavolo, che gli avrebbe offerto 6,5 milioni di euro a stagione contro gli 8 richiesti.


Leggi anche:


La dirigenza rossonera non sembrerebbe disposta a cedere al ricatto, ma non vorrebbe neanche perdere l’ennesimo giocatore a parametro zero. Per questo motivo, è probabile che l’ivoriano vada via già a gennaio, in caso di mancato accordo. Sul Kessie resta il forte interesse del Paris Saint Germain, disposto a offrirgli un ingaggio monstre, del Tottenham e del Chelsea, che starebbero sondando il terreno per un’eventuale offerta.

Paolo Maldini, responsabile dell'area tecnica del Milan
Paolo Maldini, responsabile dell’area tecnica del Milan

Calciomercato Milan, quattro nomi per Maldini

Il direttore sportivo del Milan, Paolo Maldini, consapevole della possibilità che Kessié vada via, per evitare di restare scoperti in quel ruolo, sarebbe già a lavoro per acquistare validi sostituti. Dopo essersi assicurato Adli per la prossima stagione, il ds rossonero avrebbe individuato altri quattro nomi: Tolisso, Grillitsch, Freuler e Trigueros. I primi due rappresenterebbero le alternative maggiormente costose, avendo rispettivamente un ingaggio di 7 e 6 milioni di euro a stagione.

Ciononostante potrebbero essere i calciatori ideali per il tecnico Stefano Pioli, per le loro caratteristiche ed esperienza internazionale. Molto più economici invece gli ultimi due, che percepiscono uno stipendio poco sopra il milione. In particolare, lo svizzero potrebbe essere una soluzione da non sottovalutare, dato che gioca in Serie A con l’Atalanta e conosce molto bene il campionato italiano. Intanto Maldini starebbe lavorando per migliorare anche il reparto di attacco >>> CONTINUA A LEGGERE