in

Cassano, l’ultimo dei Bastian Contrario: Immobile, Ribery e l’impatto della Bobo TV

La Bobo TV ha stravolto le logiche dell’approfondimento (e dell’intrattenimento) sportivo: basta poco per andare in onda, al quale aggiungere la voce di quattro ex calciatori. Tra questi, il più divisorio ed anticonformista è Antonio Cassano, che però nel suo esserlo rischia di risultare, alla lunga, tremendamente scontato

Antonio Cassano, ex giocatore dell'Inter
Antonio Cassano, ex giocatore dell'Inter

Cassano e la Bobo TV

Uno schermo diviso in quattro finestre, il tema calcio, quattro ex calciatori di Serie A. E boom, la Bobo TV irrompe nelle case degli italiani via Twitch, aggiungendo un tassello al trinomio sport-intrattenimento-approfondimento nel panorama dello Stivale. Il successo è garantito dal momento esatto in cui ogni singola dichiarazione è riportata dalle testate principali, ma l’emittente di casa Vieri funziona essenzialmente per due motivi:

  • Il mezzo, che colpisce al cuore e alla testa delle nuove generazioni
  • Le voci, quelle di chi il campo l’ha calcato e (in teoria) parla per vissuto e senza preconcetti

Lo stesso Vieri, con Adani, Ventola e Cassano, ha allestito un potere comunicativo tale da riuscire ad invitare in trasmissione Pep Guardiola a tre giorni dall’ultima finale di Champions League. Conoscenze dirette facilitano il lavoro, ma anche senza ospiti la Bobo TV commenta, idealizza, analizza e sentenzia. Tutto nel nome del calcio.


Leggi anche:


E come in ogni contesto, c’è chi equilibra come Vieri, chi si appassiona come Adani, chi parla meno come Ventola. Ma soprattutto, chi esprime le proprie opinioni come Antonio Cassano. Diritto sacrosanto per chi commenta il calcio ed ogni aspetto sociale, segno di una fortissima personalità già mostrata in campo. Ma le modalità in cui ciò avviene segnano primi sintomi di come, a lungo andare, Fantantonio rischia di ridursi a nientemeno che un Bastian Contrario.

Immobile e Mancini (Italia)
Immobile e Mancini (Italia)

Il caso Immobile

Lo schema è sempre lo stesso. Schienale della sedia leggermente inarcuato indietro, ampi gesti, tono sicuro. E Cassano afferma: “Immobile non sa giocare a calcio”. Proprio l’attaccante della Lazio, penultima Scarpa d’Oro e che due mesi fa si è preso la briga di sollevare un Europeo da titolare della Nazionale. Ora, le problematiche della punta di Torre Annunziata a palesarsi in un determinato contesto di gioco come quello di Mancini sono state spesso evidenti, ma restano le modalità del commento a far discutere. Dell’opinione stessa, appunto. Cassano ne promuove una versione senza filtri, in cui mentre gli altri si scervellano per capire come e dove Immobile potrebbe migliorare, la sua gamba giunge tesa a togliere ogni speranza: non può, non sa giocare.

[irp]

La Bobo TV sbatte in faccia all’utente una comunicazione senza filtri, con il rischio sempre attivo di cadere in facili tormentoni che le nuove generazioni cui è rivolta finiscano per percepire come tali, e non come – e qui ritorna la parola magica – semplici opinioni. Cassano è la figura di riferimento di chi dice sempre ciò che pensa, chissenefrega come. Ma spesso, guarda caso, ciò che pensa è sempre e solo contrario alla massa, che non ritiene Immobile il miglior attaccante del mondo, ma nemmeno lo liquiderebbe in questo modo. Il Bastian Contrario di cui sopra, dunque, emerge non nel contenuto, ma nell’esasperazione dello stesso.

Ribery e Castori

Basti pensare a Ribery, pluridecorato centrocampista con il Bayern Monaco e presenza intermittente con la Fiorentina. Un bel giorno, Franck decide di dire di sì alla Salernitana, neopromossa in Serie A. “Se fosse stato per soldi non sarei qui” dichiara, e Cassano sull’aspetto economico non proferisce parola. Parla però di dignità, poca secondo lui nell’aver accettato un club di questo livello, per giunta allenato da Castori, altro profilo analizzato senza peli sulla lingua. “Un mix tra Tuchel e Guardiola” scherza con il suo solito tono irriverente, lo stesso con cui non manca mai di esclamare l’imponente divario tra la “sua” Serie A e quella di oggi: “Ai miei tempi, tra i calciatori di oggi avrebbero giocato in cinque”.

Ribery, nuovo acquisto della Salernitana
Ribery, nuovo acquisto della Salernitana

Il (non) rapporto con la Juventus

Luke Skywalker e Darth Vader, Spider-Man e Venom, Scar e Simba, Cassano e la Juventus. Ognuno ha la sua nemesi, sebbene il ritornello del talento di Bari Vecchia assuma i toni di una continua e reiterata frecciata verso la Vecchia Signora. Non si parla di certo dei risultati sportivi, che dopo un inizio di stagione complicato giustificano il cassanismo“Juve senza capo né coda”, ma negli anni Antonio si è sempre preoccupato di prendere le distanze da quel mondo tutto ordine e disciplina che non gli appartiene. Lo stesso che ora, quasi a togliersi dei macigni dalle scarpe, attacca per il ritorno di Allegri – “hanno fatto una cosa vergognosa ad esonerare Pirlo, Allegri deve tornare sui suoi passi dal punto di vista del gioco” – e per la figura di Dybala.

[irp]

Sulla Joya, Cassano ha un’opinione ben definita, ma come sempre non è questa a far rumore. “Dybala non ha personalità” ha dichiarato dopo il 2-2 alla prima giornata contro l’Udinese, tuttavia aggiungendo: “Vuole sentirsi la stella delle stelle”. Un biglietto da visita non felicissimo per il 10 della Juventus, che a meno di future smentite non ha mai mostrato in pubblico personalismi e puntate di piedi eclatanti. Non dando dunque modo di soffermarsi sul suo essere, ma solo sulle sue qualità o tecniche – che possono piacere o meno, sia chiaro.

Paulo Dybala, attaccante della Juventus @Image Sport
Paulo Dybala, attaccante della Juventus @Image Sport

E ciò non vuol dire affatto che Cassano dica solo cose giuste o solo sbagliate, non è ciò che colpisce entrando su Twitch e sentendolo inveire contro la poca qualità della Serie A. Colpiscono i modi che certificano il personaggio che si è venuto a creare nella Bobo TV, quello del Bastian Contrario. Con le spalle larghe, la personalità forte, ma il rischio di diventare a breve la caricatura di se stesso.