Benoit Cauet, ex centrocampista dell'Inter
in

Cauet in ESCLUSIVA: “Inter, che spettacolo! Conte non molla mai. E su Lukaku-Lautaro…”

Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni l’ex centrocampista nerazzurro Benoit Cauet ha commentato la vittoria del 19° scudetto della storia interista

ESCLUSIVA Cauet: “Lukaku-Lautaro? Fortissimi…”

Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni Benoìt Cauet, ex centrocampista che ha vestito la maglia dell’Inter dal 1997 al 2001 vincendo la Coppa Uefa, ha commentato il trionfo in campionato della squadra di Antonio Conte esaltando in particolar modo le doti difensive di Milan Skriniar, la coppia Lukaku – Lautaro e il lavoro svolto dall’allenatore pugliese.

Era dalla stagione 2009/10 – l’anno del Triplete – che l’Inter non vinceva il campionato. Quale crede sia stato il momento chiave della stagione?

L’Inter è tornata a vincere… spettacolare! Inizialmente c’è stata un po’ di difficoltà, ma da quando la difesa si è stabilizzata, con il ritorno di Skriniar, i nerazzurri hanno dato una svolta alla propria stagione. La forza difensiva è stato l’elemento chiave della squadra, ha permesso di affrontare ogni gara con la stessa identità. Skriniar è un giocatore determinante, un grande professionista, un difensore tosto capace di marcare, giocare e impostare, inoltre ha una forza fisica impressionante. Oltre a ciò anche la vittoria contro la Juventus è stata importantissima”.

Antonio Conte e Giuseppe Marotta – insieme – hanno collezionato quattro scudetti in cinque anni, sfiorando inoltre l’Europa League nel 2020. Sono stati decisivi in questo successo?

“La prima parte rinforzata da Zhang è stata sicuramente la società, portando dirigenti importanti come Marotta. Quest’ultimo arrivava dalla Juventus, squadra nella quale aveva vinto praticamente tutto, e ha portato mentalità, volontà e determinazione in più, qualità che hanno permesso di rinforzare maggiormente l’aspetto societario. Conte? E’ un grandissimo allenatore, riesce a motivare molto e non molla niente, ha dato tanto all’Inter. Lo scudetto è frutto di un ottimo lavoro svolto negli ultimi due anni. Con loro due i nerazzurri avevano tutto da guadagnare”.

Sono molti i protagonisti del 19° scudetto della storia nerazzurra. Secondo lei quali giocatori sono risultati imprescindibili?

“Sono stati tutti importanti e determinanti, non posso però non nominare Lukaku e Lautaro: hanno dimostrato, sia individualmente che collettivamente, di essere fortissimi e capaci di dare sempre qualcosa di importante. Il lavoro degli attaccanti passa però dalla squadra, sono stati tutti fondamentali”.

José Mourinho, nuovo allenatore della Roma

Roma, UFFICIALE: Mourinho è il nuovo allenatore

Memphis Depay attaccante del Lione

Calciomercato, de Boer su Depay: “Lo vedrei bene alla…”