Vinicius Junior, attaccante del Real Madrid

Real Madrid: la magica notte di Vinicius Junior

Il giovane brasiliano è stato il grande protagonista della vittoria del Real Madrid contro il Liverpool segnando una doppietta

Vinicius castiga il Liverpool

La gara d’andata dei quarti di finale di Champions League fra Real Madrid e Liverpool ha messo in mostra lo straordinario talento di Vinicius Junior. Il giovane brasiliano ha steso i Reds con una doppietta mostrando una concretezza sottoporta che spesso gli è mancata: controllo di petto magistrale sul lancio di Kroos in occasione del primo gol, nella rete del 3-1 ha trafitto Alisson (tutt’altro che impeccabile nella circostanza) con una precisa girata di destro. Una serata che il talento brasiliano aspettava da tempo e che ne certifica ulteriormente la crescita esponenziale degli ultimi mesi.

Vinicius-Real Madrid: un impatto difficile

Il Real Madrid sta quindi iniziando a raccogliere i dividendi di un investimento inizialmente parso eccessivamente oneroso: Vinicius infatti è stato prelevato dal Flamengo nel 2017 per circa 45 milioni di euro diventando così uno degli under 18 più pagati della storia del calcio. E’ approdato in Spagna nella stagione successiva, una volta raggiunta la maggiore età, prendendo il posto lasciato vacante da un certo Cristiano Ronaldo.

Vinicius Junior in gol con il Real Madrid
Vinicius Junior in gol con il Real Madrid

Vinicius gioca prevalentemente sulla fascia sinistra, è dotato di una grande rapidità ed è abile nell’uno contro uno. Caratteristiche simili a quelle di un suo illustre connazionale, Neymar Jr.. Aggregato inizialmente alla squadra B, ha fatto il suo debutto coi grandi il 29 settembre 2018, entrando negli ultimi minuti del derby con l’Atletico Madrid. Il suo impatto con la prima squadra tuttavia non è stato agevole: nelle sue prime apparizioni coi Blancos ha mostrato una certa immaturità tattica non riuscendo a mettere a frutto le sue indubbie qualità tecniche. Un infortunio al legamento collaterale nella seconda parte della stagione ne ha ulteriormente frenato la crescita.

Il ritorno di Zidane e la crescita

Il ritorno di Zinedine Zidane sulla panchina dei Blancos ha rappresentato una svolta per la carriera di Vinicius nelle Merengues: il tecnico francese ha sempre dimostrato di avere fiducia negli enormi mezzi del brasiliano rimarcandone però la scarsa disciplina tattica e una partecipazione inesistente alla fase difensiva. Aspetto su cui ha lavorato tanto e in cui ha mostrato notevoli progressi che gli sono valsi un minutaggio sempre più alto fino all’esplosione avvenuta nella stagione attualmente in corso, favorita anche dai continui infortuni di Eden Hazard, titolare designato del ruolo.

Ma al di là dei problemi del belga col passare delle partite Vinicius ha acquisito una maggiore consapevolezza dei propri mezzi eliminando gradualmente quella fragilità psicologica che lo ha portato spesso a scomparire dal campo in seguito a una giocata negativa. Le difficoltà degli esordi adesso sembrano un lontano ricordo e il giovane talento brasiliano è ormai maturo per prendere la scena e occuparla per diversi anni da ora in avanti.

Antonio Conte (Inter) e Andrea Pirlo (Juventus)

Inter per lo scudetto, Juventus per la Champions: il mercoledì della verità

Juan Musso, portiere dell'Udinese @imagephotoagency

Calciomercato Roma, poker di nomi per il dopo Pau Lopez