Olivier Giroud, attaccante del Chelsea @Image Sport
in

Champions League, Porto-Chelsea: sfida tra outsiders

Stasera andrà in scena la seconda serata dell’andata dei quarti di finale di Champions League. La sfida tra Chelsea e Porto rappresenta la sfida tra due outsiders della competizione. Chi riuscirà a mettere il primo mattoncino verso la semifinale?

Porto imbattuto da 6 mesi in Portogallo

La squadra di Conceiçao arriva da 19 risultati utili consecutivi in campionato e l’eliminazione della Juventus dalla Champions League. Nonostante questo, però, ha ben 8 punti di svantaggio dallo Sporting Lisbona (imbattuto in campionato) ed è in lotta con Benfica e Braga per il secondo posto. Detto questo, il Porto arriva a questo quarto di finale con il morale altissimo e giocare la prima partita in casa non può altro che aumentare questa situazione. Da quando è arrivato Conceiçao, la squadra ha trovato una grande quadratura difensiva e transizioni positive fulminee.

Per la sfida con il Chelsea il canovaccio sarà lo stesso usato con la Juventus: difesa e ripartenza. In porta ci sarà Marchesìn e la linea difensiva sarà composta da Manafá, Mbemba, Pepe, Zaidu. Il capitano del Porto sarà l’incaricato a guidare la truppa verso la semifinale. A centrocampo ci saranno Grujić, Uribe, Otávio, Corona. In avanti, spazio alla velocità di Marega e alla classe di Luis Diáz.

Esultanza Porto @Image Sport
Esultanza Porto @Image Sport

Il Chelsea arriva alla sfida del do Dragao dopo una pesante sconfitta contro il WBA.

Dopo un filotto di 11 risultati utili consecutivi in Premier League, la squadra di Tuchel perde per 2-5 in casa contro la penultima in classifica. Questo risultato non regala slancio ai Blues, i quali dovranno dimenticare in fretta la disfatta di sabato scorso. Con l’arrivo del tecnico tedesco, il Chelsea ha cambiato pelle ed è diventata una vera e propria corazzata europea. Nella sfida con il porto dovrebbe essere confermato Mendy tra i pali e di fronte a lui giocheranno Azpillicueta, Christensen e Rudiger.

La difesa a tre è un marchio di fabbrica dell’esperienza londinese di Tuchel e con essa è riuscito a trovare una grande solidità difensiva (appena due goal subiti prima della partita con il WBA). A centrocampo spazio a Jorginho e Kovacic con James e Marco Alonso sulle fasce. I terminali offensivi Blues saranno Muont, Giroud e Werner.

PORTO (4-4-2): Marchesín; Manafá, Mbemba, Pepe, Zaidu; Grujić, Uribe, Otávio, Corona; Luis Diáz, Marega.

CHELSEA (3-4-3): Mendy; Azpilicueta, Christensen, Rüdiger; James, Jorginho, Kovačić, Alonso; Mount, Giroud, Werner.

Gianluigi Buffon, portiere della Juventus @Image Sport

Calciomercato Juventus, rebus portiere: le alternative a Buffon

Maldini e Massara, dirigenti del Milan

Calciomercato Milan, Donnarumma-Calhanoglu addio?Caccia ai sostituti