Voti PSV Eindhoven-Barcellona, 5a giornata Champions League, Girone B

VOTI PSV BARCELLONA CHAMPIONS LEAGUE / Il Barcellona non è mancato all’appuntamento. Dopo un inizio aggressivo da parte del PSV Eindhoven, gli uomini di Valverde hanno messo in campo tutta la loro classe e organizzazione tattica.

I primi minuti di gioco sono caratterizzati da una moltitudine di errori individuali da una parte e dall’altra. Il più grave arriva dai piedi di Ivan Rakitic, che solitamente vediamo sbagliare quasi mai. Il croato consegna di fatto il pallone a Pereiro che calcia da fuori: solo il palo salva Ter Stegen.

Pochi minuti più tardi è ancora il numero 7 del PSV a sfiorare il goal dell’1-0, mandando alto il pallone a tu per tu con il portiere avversario. Gli olandesi alzano il ritmo ogni volta che possono, i catalani si limitano a far girar palla. Nella seconda metà del primo tempo la mole di gioco del Barcellona cresce: Vidal si vede respingere il tiro sulla linea di porta per due volte nel giro di un minuto.

Sul finire del secondo tempo sono gli uomini di Van Bommel a sfiorare il vantaggio: de Jong colpisce di testa il pallone che si infrange sulla traversa, con Ter Stegen battuto. Sulla ribattuta Dumfries non riesce a metterla dentro e trova solo il palo.

Nella ripresa sono gli uomini di Valverde a fare la partita. Messi impensierisce per la prima volta Zoet con un tiro a giro dall’angolo destro dell’area: attento il portiere olandese.

Ed è proprio il numero dieci a sbloccarla, con un bel tiro dal limite dell’area dopo uno slalom ubriacante tra i difensori in pressione. Il Barcellona trova il vantaggio al 61′. Pochi minuti dopo ancora da Messi ci mette lo zampino nel goal del 2-0, trovando da punizione l’inserimento vincente di Piqué.

Il Barcellona è in controllo ma all’83’ de Jong riapre la partita. Il capitano olandese è bravo a inserirsi e staccare con potenza di testa. È 1-2. Da qui in poi gli uomini di Mark Van Bommel si adoperano al massimo ma è troppo tardi. PSV Eindhoven-Barcellona finisce 2-1 per i catalani. La squadra di Valverde ottiene il primo posto nel girone.

 

Pagelle PSV Eindhoven

Zoet 6: attento e diligente il portiere olandese, non si fa spaventare da Messi. Leggermente in ritardo sul secondo goal subito.

Dumfries 6: ordinato e pulito negli interventi, sa quando deve affondare e quando contenere.

Schwaab 6: partita attenta contro uno come Messi, sbavatura solo in occasione del primo goal del Barça.

Viergever 6: legge praticamente tutti i palloni che arrivano in area e non sembra andare mai in sofferenza.

Angeliño 5,5: soffre visibilmente quando deve difendere, più per merito di Semedo che di Dembélé

Hendrix 6: ruvido al punto giusto e sempre alla ricerca di un pallone da recuperare per i suoi compagni.

Rosario 6,5: è lui l’uomo che domina il centrocampo, con la sua straordinaria forza fisica e tecnica.

Lozano 6,5: si gioca poco dal suo lato e non sempre riesce ad essere incisivo, ma quando parte fa paura.

Pereiro 6,5: quando va in progressione crea apprensione a tutta la difesa, ma davanti si trova pur sempre uno come Jordi Alba.

Bergwijn 6: parte bene e non abbandona i compagni anche quando la partita è ormai compromessa.

de Jong 7: bravo a pescare i compagni e a concludere in prima persona verso la porta del Barça, in occasione del goal.

Gutierrez (dal 73′) 6: suona la carica per cercare di riaprire la gara, ma ha poco tempo per incidere.

Malen (dal 72′) 6: entra con la giusta voglia ma non riesce a rimediare al risultato.

Romero (dal 78′) SV.

All. Van Bommel 6: partita preparata nel modo giusto, la fortuna non lo assiste.

Pagelle Barcellona

Ter Stegen 5,5: più fortunato che bravo, salvato dai legni per due volte.

Semedo 6: fa più movimento lui che il compagno Dembélé su quella fascia, dando sempre un opzione di passaggio ai compagni.

Piqué 6,5: un po’ timido negli interventi, ma attento a non farsi sorprendere e bravo in occasione del secondo goal blaugrana.

Lenglet 6: partita affannata de francese, colpevole di più di un buco difensivo.

Jordi Alba 6: fa sempre il suo lavoro, sia quando attacca che quando difende.

Rakitic 5,5: troppi errori banali per il croato, forse non recuperato completamente dopo l’infortunio muscolare.

Busquets 6: sempre tanta qualità in fase di possesso, tutti i palloni passano da i suoi piedi.

Vidal 6,5: l’uomo in più del centrocampo blaugrana, si fa sentire in area di rigore avversaria.

Dembélé 5,5: non fa nulla per farsi trovare dai compagni, le poche occasioni che si crea le sciupa.

Messi 7,5: poco aiutato dai compagni decide di fare da solo, si inventa dal nulla il goal del vantaggio blaugrana.

Coutinho 6: ci prova a essere efficace e farsi dare il pallone, ma sbatte contro il muro alzato dagli olandesi.

Malcom (dal 69′) 6: entra bene e per due volte rischia di rendere il vantaggio più corposo.

Denis Suarez (dal 79′) SV

All. Valverde 6: sicuramente si sarà fatto sentire negli spogliatoi nell’intervallo e i risultati si sono visti.