in

Coin of Champions, dalle iniziative alle nuove sfide: il progetto rivelazione del 2021

Cresce sempre di più l’ambizioso progetto di Coin of Champions: dal mondo delle criptovalute a quello dello sport, passando per interessanti iniziative e divertenti giochi, COC è stata l’autentica rivelazione del 2021 e intende raggiungere nuovi obiettivi nel 2022

Coin of Champions
Coin of Champions

La vita degli esseri umani è da sempre contraddistinta dal continuo cambiamento e per l’eternità sarà così: le nostre abitudini cambiano, i nostri modi di dire o di fare cambiano, le nostre idee cambiano, noi stessi cambiamo, spesso senza neanche accorgercene. C’è chi non accetta tali variazioni e chi invece le attira a sè, le cavalca, sperando di poter fornire un contributo importante per lasciare il mondo un pò meglio di come lo si è trovato. Ciò vale per qualsiasi settore, qualsiasi campo, qualsiasi ambiente, ciò che conta è essere innovativi, creativi e appassionati. Queste caratteristiche si ritrovano senz’altro in ciò che ha portato e porterà avanti Coin of Champions, fondata da Cesare Florio nella seconda metà dello scorso anno.

PER ISCRIVERTI A COIN OF CHAMPIONS CLICCA QUI

COC è una criptovaluta, chiamata in linguaggio tecnico token, lanciata sul mercato della blockchain il 7 settembre del 2021, che in pochissimi mesi ha riscosso grande successo, ottenendo prestigiosi riconoscimenti come la nomina a Platinum Sponsor ai recenti Globe Soccer Awards, e raggiungendo eccellenti traguardi, come gli oltre 11.000 holders attualmente iscritti, i 100.000 dollari giornalieri impiegati in transazioni e i 100 milioni di capitalizzazione. Questi dati, insieme ad una serie di iniziative e di programmi per il futuro prossimo, fanno di Coin of Champions il progetto rivelazione del 2021.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Coin of Champions [COC] (@coinofchampions)

I progetti di Coin of Champions: gli Ambassadors

Coin of Champions non si presenta come un semplice token di trading, ma, a differenza di altre realtà del mercato blockchain, cerca di proporre ai suoi holders un servizio decisamente più solido e completo, che si articola nella pianificazione e nel prossimo sviluppo di numerosi progetti legati a diversi ambiti, come lo sport, i giochi online, la beneficienza e i giovani. Partendo dal settore sportivo, da qui scaturisce il motivo per cui questa criptovaluta è nata con questo nome: a partire dai suoi primi giorni di esistenza COC ha legato il suo marchio a grandi protagonisti del mondo dello sport, divenendo appunto la Moneta dei Campioni.

A partire dal 24 settembre 2021, si sono uniti a Coin of Champions in qualità di Ambassadors profili di spessore internazionale del calibro di Christian Vieri, Wesley Sneijder, Marco Materazzi, Filippo Inzaghi, Diego Lugano, Sebastian Frey, Roberto Carlos, Amauri e Ogenyi Onazi. In seguito, si sono aggiunti altri campioni del mondo del calcio, come Alessandro Nesta, Gianluca Zambrotta, Ronaldinho e Gilberto Silva, ma anche di altri sport come il baseball, rappresentato da Chris Colabello e Simon Randall, e la Formula 1, con Giancarlo Fisichella, fin qui l’ultimo arrivato nel gruppo dei super testimonial di COC. Tutti questi prestigiosi nomi non hanno fatto altro che dare subito un grande slancio al neonato token, garantendo al progetto una grande credibilità e visibilità, grazie al loro ruolo di promozione della nuova moneta, contribuendo così alla rapida scalata di questa criptovaluta in pochissimo tempo.

NFTrade
NFTrade

I progetti di Coin of Champions: i giochi NFT

Dal progetto basato sugli ambasciatori, passiamo ora a quello che riguarda i giochi NFT. Quest’ultima è una sigla che sta per Non Fungible Token, ovvero particolari tipi di token crittografici che si distinguono dalle altre criptovalute perché non fungibili, cioè non intercambiabili fra loro: questo perché gli NFT hanno una loro specifica individualità, rappresentata dall’atto di proprietà e dal certificato di autenticità di un bene unico, sia esso fisico o digitale. A livello pratico, questi tokens possono essere convertiti in diversi oggetti digitali riguardanti la crypto art, il collezionismo e i giochi online: per realizzarli è necessario innanzitutto creare un’opera digitale, la quale viene successivamente registrata su una blockchain, per essere infine messa sul mercato e venduta. Da questo processo nascono le carte NFT, ovvero delle particolari tipologie di figurine virtuali di calciatori o protagonisti del mondo dello sport, che possono essere acquistate e collezionate. Grazie alla partnership con NFTrade, inoltre, COC potrà presto avviare la vendita delle carte NFT e curare tutto ciò che riguarda questo settore.

Il legame tra Coin of Champions e carte NFT nasce da un presupposto: queste ultime possono essere impiegate anche nei fantasy games e COC vuole sfruttarle per lanciare una serie di nuovi giochi online, il primo dei quali sarà dedicato al Fantacalcio. Questo gioco si chiamerà Manager NFT e sarà disponibile per tutti i token holders di Coin of Champions a partire dalla fine del mese di gennaio. Questo fantasy game sarà molto simile al tradizionale Fantacalcio al quale molti di noi sono appassionati: tutti i fantallenatori dovranno una schierare una formazione composta da 11 giocatori. Ci sarà inoltre la possibilità di partecipare a diversi tornei, come quello a eliminazione diretta o quello settimanale e di acquistare quattro diverse tipologie di carte NFT: Rara, Super Rara, Unica e Regular. Non solo Fantacalcio, però, perché nei prossimi mesi partiranno anche nuovi giochi su altri sport come basket e tennis. Per maggiori informazioni si può andare sui canali ufficiali di Coin of Champions: il sito internet e i profili Instragram, Telegram, Facebook e Twitter.

Coin of Champions
Coin of Champions

I progetti di Coin of Champions: Charity e giocatori del domani

Le peculiarità di Coin of Champions non si fermano qui, anzi vanno ad inglobare un aspetto totalmente estraneo a molte altre criptomonete: gli scopi benefici. L’obiettivo di COC è andare oltre la limitante e poco lusinghiera tendenza alla speculazione sempre più diffusa nel mondo dei token: proprio per evitare di essere una criptovaluta utilizzata esclusivamente per fini personali, la realtà guidata da Cesare Florio ha deciso di aderire a progetti legati alla beneficienza. A livello pratico, Coin of Champions si prende carico di alcune iniziative di Charity, ad esempio destinando il 10% della fornitura circolante di tali monete a varie ONLUS nazionali ed internazionali, per cercare di aiutare i più bisognosi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Coin of Champions [COC] (@coinofchampions)

Questi progetti benefici sono legati anche al bellissimo ma complicato mondo dei giovani. Per i ragazzi meno fortunati, COC donerà un altro 10% delle criptovalute a disposizione per la riqualificazione di alcuni centri sportivi, in modo tale da farli avvicinare a quel fenomeno tanto amato che unisce, fa divertire e stare insieme le persone chiamato sport. Un’altra lodevole iniziativa che vede protagonisti i giovani è quella che riguarda il progetto “Il campione del domani”, che permette a chiunque acquisti un token di Coin of Champions di mandare dei video in cui i ragazzi possono mostrare le loro qualità calcistiche: tali video saranno poi caricati sulla piattaforma di COC e saranno votati dagli utenti. Chi risulterà il migliore potrà vincere una maglia, una foto col proprio beniamino e persino un provino a distanza con un osservatore, il quale potrà segnalare il ragazzo in questione ad alcune società con importanti settori giovanili, ad esempio attraverso la collaborazione con il Maluku United.

Coin of Champions
Coin of Champions

I progetti di Coin of Champions: il Metaverso e la Roadmap

Ultima, ma non per importanza, delle sfide di Coin of Champions è il progetto Metaverso. Questo termine, in precedenza inteso in riferimento a mondi virtuali, oggi ha cambiato accezione, quando considerato in relazione all’universo dei token. Nel caso specifico di COC il Metaverso assume un ruolo di fondamentale importanza per lo sviluppo di questa criptomoneta: il progetto prevede la formazione di un marketplace entro il quale il token COC verrà accettato come valuta per acquistare beni e servizi, esattamente come è possibile fare con le monete tradizionali. Tutto questo permetterà agli utenti di Coin of Champions di usufruire di una serie di possibilità di acquisto, per esempio dei video di allenamento, registrati o in diretta, di calciatori professionisti con consigli su come tenersi in forma o dei tour virtuali degli stadi, per vivere esperienze uniche anche restando semplicemente a casa.

Attualmente, il progetto Metaverso è ancora incompleto, ma tutta la squadra di COC sta lavorando sodo affinchè sia al più presto disponibile nella sua totalità. All’interno della Roadmap di Coin of Champions, ovvero la lista degli traguardi tagliati in questi mesi e di quelli da raggiungere nel 2022, è stato posto come obiettivo quello di avviare nel mese di maggio tale progetto. Nello specifico, la prima fase di tale iniziativa verterà sulla realizzazione di alcuni test sul cambio COC/BLK: quest’ultima fa riferimento alla Stablecoin, cioè il metodo di pagamento che darà la possibilità agli holders di acquistare beni, servizi e carte NFT. Nel mese di giugno, successivamente, si punta ad effettuare la seconda parte di questi test, infine a settembre verrà lanciato ufficialmente il MarketPlace Retail di Coin of Champions, a cui è possibile iscriversi cliccando qui. In definitiva, COC è una realtà appena nata nel mercato blockchain, ma è decisamente partita col piede giusto, è ricchissima di iniziative ed è ambiziosa: con queste premesse potrà togliersi ancora diverse soddisfazioni e regalarsi un futuro roseo.