Menu

Giovanni Reyna

Da Claudio a Gio: Reyna, il nuovo pupillo del Dortmund

A 12 anni di distanza dal ritiro di Claudio Reyna, oggi, suo figlio Giovanni Reyna è stato convocato per la prima volta dalla nazionale degli Stati Uniti catturando per l’ennesima volta nella sua breve carriera l’interesse di tutti.

Sembra passata una vita dal 2 Luglio 2019, giorno in cui il Borussia Dortmund acquistò Giovanni Reyna; l’attaccante americano aveva già brillato nelle varie sezioni giovanili della nazionale e il suo talento aveva iniziato a manifestarsi anche nelle giovanili del New York City a tal punto da catturare l’interesse di una squadra che, con i talenti, sbaglia raramente: il Borussia Dortmund.

Passato in Germania, Giovanni Reyna impiega solo mezza stagione per convincere tutti del fatto che, ormai, il reparto giovanile gli stava decisamente troppo stretto. Inizia il 2020, un anno che l’attaccante americano ricorderà per tutta la vita: il 18 Gennaio debutta in prima squadra nella vittoria per 5-3 contro l’Augsburg, anche se la partita viene ricordata più per l’esordio con tripletta di Erling Haaland; proprio il norvegese e l’americano sono diventati una vera coppia fenomenale dentro e fuori dal campo a tal punto da vedere l’ex Salisburgo soprannominare “The American Dream” il nuovo pupillo dei gialloneri.

Quei primi minuti in campo sono stati solo un assaggio, perché da quel momento Giovanni Reyna è diventato uno dei preferiti dell’allenatore, Lucien Favre, il tecnico svizzero e i tifosi tedeschi hanno dovuto attendere solo due settimane per vedere il talento americano timbrare anche il suo primo gol con il club, in DFB Pokal, competizione che, dopo il gol, vede Reyna come il giocatore più giovane ad aver mai realizzato un gol nella storia del torneo a ben 17 anni e 82 giorni.

Da quel momento il giocatore entra definitivamente nelle rotazioni, esordio in Champions, titolare in Bundesliga fino ad arrivare al 3 novembre 2020: Reyna corona il sogno di suo padre e viene convocato in nazionale. Quest’ultimo è stato l’ennesimo trionfo di un anno incredibile per il giocatore ed i suoi vecchi allenatori, anche quelli che hanno avuto il piacere di averlo solo nelle giovanili, non hanno mai avuto dubbi sulle qualità e sulle potenzialità infinite della nuova stella americana. Una prova certa ne sono le parole di Dave Van Den Bergh: l’allenatore ha commentato con grande entusiasmo il movimento del corpo di Reyna, il modo in cui analizzava le partite, la sua tecnica di alto livello, sapeva che si sarebbe preso la nazionale, aveva solo bisogno di qualcuno che lo facesse esprimere ulteriormente.

Dave Ven Den Bergh aveva perfettamente ragione, Gio Reyna a Dortmund finora ha dimostrato tre cose: ha un’intelligenza da veterano nonostante sia ancora minorenne, ha una tecnica notevole e infine che si tratta di un vero predestinato. La carriera è appena iniziata ma Giovanni Reyna non ha intenzione di fermarsi, il prossimo passo è conquistare tutto il pubblico americano.

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.