ESCLUSIVA, Alessandro Melli: “Parma, salvezza possibile. Scudetto? Il Milan…”

Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni, Alessandro Melli, ex – tra le altre – di Parma, Sampdoria e Milan ha parlato del futuro del Parma, spiegando come abbia le potenzialità di salvarsi, per poi soffermarsi sulla Nazionale U21 e la lotta scudetto

Alessandro Melli, attaccante del Parma
Alessandro Melli, attaccante del Parma

Alessandro Melli: “Parma? Salvezza ancora possibile. Sullo scudetto…”

Dopo aver raccontato in esclusiva gli anni vissuti a Parma, ripercorrendo gli straordinari successi della squadra emiliana, Alessandro Melli ha voluto soffermarsi sulla possibile salvezza dei crociati, spiegando di essere molto fiducioso nei loro confronti. Successivamente l’ex attaccante ha parlato della Nazionale U21 e della lotta scudetto, a suo dire ancora aperta.

Crede che il Parma abbia le potenzialità per salvarsi?

“Sono molto più fiducioso oggi rispetto a qualche settimana fa, mi sembra di vedere una squadra molto più sicura dei propri mezzi. Le avversarie non sono distanti, sono rimaste vicine: bisogna cominciare a vincere gli scontri diretti però contro Torino, Cagliari e Benevento. E’ possibile, hanno il 60% di possibilità di riuscirci”.

Alle 21.00 l’U21 sfiderà la Slovenia nel match valevole per la qualificazione ai quarti. Riusciranno a passare il turno?

“Ho visto la partita con la Spagna, mi è piaciuta anche se non è stata una gara facile. I nostri ragazzi giocano bene, penso abbiano tutte le possibilità di passare il turno. Personalmente con l’U21 ho avuto la fortuna di vincerlo l’Europeo, sono grandi emozioni che ti permettono di crescere”.

Crede che il discorso scudetto sia ancora aperto?

“Inizialmente pensavo avrebbe vinto il Milan, ora ho qualche dubbio. Credo però che il campionato sia ancora aperto nonostante l’Inter sia davanti a tutti, non mi dispiacerebbe vedere i rossoneri vincere. La Juventus? E’ sempre difficile toglierla dalla corsa scudetto, è come i draghi con sette teste: se ne tagli una rimangono le altre sei. Dopo nove scudetti ci può essere un calo, non è colpa di nessuno. Non si può vincere per sempre”.

Zlatan Ibrahimović, attaccante del Milan @imagephotoagency

Milan, rinnovo Ibrahimovic: nuova eccezione per lo stipendio

Robert Lewandowski attaccante del Bayern Monaco

Bayern Monaco, Lewandowski KO: i tempi di recupero