mercoledì, 8 Luglio 2020 - 01:25
Esclusive Pjanic-Arthur, Vittorio Pegone in ESCLUSIVA: "La Juventus ha fatto un affare"

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Pjanic-Arthur, Vittorio Pegone in ESCLUSIVA: “La Juventus ha fatto un affare”

Molti tifosi del Barcellona hanno espresso sui social le proprie rimostranze rispetto allo scambio Pjanic-Arthur. Intervenuto ai nostri microfoni, il presidente della Penya Barcelonista Turin, Vittorio Pegone, ha espresso un parere sulla trattativa di mercato e sullo stato di forma della società blaugrana

La Penya Barcelonista Turin è un club di tifosi del Barcellona, localizzato a Torino, ufficialmente riconosciuto dalla società blaugrana. Abbiamo intervistato ai nostri microfoni il presidente e fondatore, Vittorio Pegone, per chiedere un parere sullo scambio Pjanic-Arthur. Queste le sue parole:

Come nasce la passione per il Barcellona e l’esigenza di fondare un club di tifosi?

“Io ho iniziato a seguire il Barcellona nel ’93 e mi sono innamorato del gioco spettacolare del Dream Team di Johan Cruijff. Inoltre, conoscevo delle persone a Barcellona che mi hanno trasmesso la passione e fatto ulteriormente legare con la squadra blaugrana. A quei tempi ci si doveva accontentare di vedere 2 o 3 partite, non esistevano i social e le televisioni satellitari. Noi appassionati eravamo lontani e l’esigenza del club nasce proprio per unirci e stare insieme. La Penya Barcelonista Turin è nata dieci anni fa. A ottobre avremmo dovuto festeggiare il decennale qui a Torino insieme a tutti i tifosi italiani del Barcellona, purtroppo l’emergenza sanitaria ce l’ha impedito. All’inizio abbiamo usato i social per conoscerci e metterci in contatto, da qui sono nati altri club in Italia e oggi esiste addirittura un coordinamento nazionale”.

Sui social, molti tifosi blaugrana si sono dimostrati contrari allo scambio Pjanic-Arthur. Tu cosa ne pensi?

“Credo ci siano due modi di vederla. Da un lato è negativo perché dimostra che il Barcellona non è più il club di dieci anni fa e questa è una realtà con cui dovremmo iniziare a fare i conti. Un calciatore giovane e talentuoso come Arthur non sarebbe mai andato via per trasferirsi alla Juventus e in Serie A che, in questo momento, è un campionato inferiore. A determinare questo trasferimento, un grosso peso l’hanno avuto senza dubbio le esigenze economiche delle due società. Dall’altra parte, per quel che mi riguarda, sono contento dell’acquisto di Pjanic. L’unica nota negativa è l’età mentre, per il resto, credo che sia un calciatore che può adattarsi bene al Barcellona e dare una grossa mano”.

Vittorio Pegone
Vittorio Pegone, presidente del Penya Barcelonista Turin, club italiano di tifosi del Barcellona

Se dovessi parlare ai tifosi juventini, come descriveresti Arthur?

“Arthur è un calciatore molto talentuoso e forte. È stato fuori per qualche problema disciplinare, forse l’ambiente Juventus può aiutarlo a maturare in questo senso. Il problema principale è che Arthur è uno di quei calciatori che aiutano a far giocare bene le squadre. La Juventus è un club che punta a vincere e non al bel gioco, il fatto che Sarri sia costantemente messo in discussione dimostra questo: è un ambiente in grado di mettere in discussione tutti”.

Il finale di Liga come lo vedi? Chi è favorito?

“Per quel che riguarda la Liga la vedo male. Il Barcellona ha diversi problemi di spogliatoio. Setien non ha la statura per allenare i blaugrana ma credo che i calciatori che scendono in campo debbano seguire le indicazioni dell’allenatore. Da noi, invece, c’è un gruppo di giocatori che pretende di prendere le decisioni, ci vorrebbe un po’ di pulizia. Da questo punto di vista, il Real Madrid ha qualche problema in meno di noi”.

LEGGI ANCHE

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui