in

Everton, Benitez rivela: “All’inizio i proprietari non mi conoscevano come professionista”

L’allenatore dell’Everton, Rafa Benitez, ha rivelato un retroscena molto particolare sul suo arrivo ai Toffees: “Volevano farmi delle domande ma, cosa che mi ha sorpreso, non mi conoscevano come professionista”

Rafa Benitez, allenatore dell'Everton
Rafa Benitez, allenatore dell'Everton

Intervistato da Liverpool Echo, il tecnico dell’Everton Rafa Benitez ha svelato alcuni retroscena sul suo arrivo ai Toffees: “Ho parlato con il signor Moshiri e poi c’è stata una teleconferenza con molte persone collegate. Volevano farmi delle domande ma, cosa che mi ha sorpreso, non mi conoscevano come professionista. Pensavano che io fossi andato in Cina senza particolari motivi ma ci sono andato perché era una grande opportunità, non avendo ricevuto offerte in Inghilterra. Era un progetto con potenziale e denaro, ma la pandemia ha cambiato tutto. Adesso sono tornato qui e posso competere di nuovo, con una proprietà ambiziosa. Non sapevano però che quando ero al Liverpool ho cambiato l’Academy”.

Ho una laurea in educazione fisica e lavoravo nelle scuole per poter lavorare con i giovani calciatori. Ho fatto lo stesso al Real Madrid e a Dalian, mi piace migliorare il settore giovanile. Faremo degli errori, come tutti, ma abbiamo esperienza per allenare Premier League, abbiamo allenato anche in Italia e Spagna e conosciamo persone in tutto il mondo. Ci piace lavorare con i giovani e migliorarli. Non sono manager normale perché io sono un allenatore.