in

Fiorentina, è il momento di Torreira: classe, tecnica e intelligenza tattica al servizio di Italiano

Lucas Torreira, tornato in Italia alla Fiorentina negli ultimi giorni di mercato, si prepara a scendere in campo con la sua nuova squadra. Dopo tre stagioni in cui non è riuscito a confermarsi, il talento uruguaiano ha deciso di ripartire dall’Italia

Lucas Torreira centrocampista dell'Arsenal, in prestito alla Fiorentina
Lucas Torreira centrocampista dell'Arsenal, in prestito alla Fiorentina

Cosa è andato storto?

Alla fine del 2018, Lucas Torreira sembrava avere tutto per fare il salto di qualità. Il giocatore, allora in forza alla Sampdoria, aveva fatto vedere un’ottima tecnica unita a grandi capacità fisiche, che gli permettevano di recuperare un gran numero di palloni. A questo l’uruguaiano abbinava grande visione di gioco e intelligenza tattica, incarnando quindi il profilo ideale del regista. Nessuno si stupì al tempo, quando l’Arsenal se lo assicurò per 26,5 milioni di Sterline. Ciò che invece ha attirato l’attenzione, è stato il rendimento del centrocampista dopo il trasferimento. Il regista infatti, non è riuscito a imporsi, giocando poco e sfornando prestazioni di basso livello.


Leggi anche:


Per cercare di ritrovarsi è passato in prestito all’Atletico Madrid nella scorsa stagione, ma anche in Spagna l’uruguaiano ha dovuto lasciare i galloni della titolarità a giocatori più esperti e più pronti. Sicuramente l’esperienza inglese non ha aiutato Lucas, visto anche il netto declino che il club inglese ha cominciato a vivere proprio dal 2018. Simeone sarebbe stato l’allenatore perfetto per l’ex Sampdoria, ma le necessità dettate dalla serrata lotta al titolo hanno obbligato il Cholo a puntare su giocatori già pronti.

Lucas Torreira centrocampista dell'Arsenal, in prestito alla Fiorentina
Lucas Torreira centrocampista dell’Arsenal, in prestito alla Fiorentina

Il ritorno del figliol prodigo

Ecco che allora Torreira ha deciso di provare una nuova avventura. Maglia diversa, ma stesso paese: quella Italia che l’ha accolto e cresciuto calcisticamente, prima con la maglia del Pescara e poi con quella della Sampdoria. Lo scenario della Fiorentina può essere quello giusto per il giocatore. La piazza infatti, sembra pronta a fare il salto di qualità dopo anni nella mediocrità; l’allenatore, Vincenzo Italiano, sa lavorare sui registi e valorizzarli (chiedere a Matteo Ricci l’anno scorso). L’unico giocatore che a Firenze può contendergli il posto è Pulgar, da qualche anno in fase calante e fisicamente discontinuo. Il cileno inoltre può giocare anche mezz’ala: insomma, in maglia viola Lucas giocherà e sarà in campo per molti minuti. Nel nuovo ambiente può davvero esplodere e consacrarsi definitivamente, dopo essere tornato nel luogo in cui è maturato.