Array

Genoa, la ricetta di Maran: intensità, nomi e poche scommesse

Il Genoa riscopre intensità ed entusiasmo, grazie ad un calciomercato mirato e alla cura Maran. Sebbene sia presto per dare giudizi definitivi, la strategia del Grifone appare ben chiara

Il Genoa ha vinto e convinto contro il Crotone: 4-1 firmato da vecchi e nuovi volti. A Marassi è scesa in campo una squadra affamata e senza insicurezze, apparsa ordinata e consapevole dei propri mezzi. I calciatori hanno trasmesso l’idea di sapere ciò che fare con il pallone tra i piedi, aspetto non scontato se ci si guarda indietro e si nota quanto fatto nelle scorse stagioni. Due salvezze risicate non possono accontentare il presidente Enrico Preziosi, che ha deciso di puntare sul carisma di Rolando Maran.

L’allenatore sembra avere il rossoblu nel destino, vista l’esperienza positiva sulla panchina del Cagliari. Con i sardi, il tecnico è stato a lungo a ridosso della zona Europa League: riuscirà ad avvicinarla anche con il Genoa? Troppo presto, ovviamente, per rispondere, ma una prima certezza la gara con il Crotone l’ha fornita. Il Grifone ha le idee chiare ed intende puntare sulla ricetta di Maran: intensità, nomi e poche scommesse.

Genoa, da Zappacosta a Pjaca: ora la squadra è più competitiva

Il calciomercato del Genoa è da sempre teatro di nomi semi-sconosciuti che, complici alcune stagioni difficili, non riescono ad imporsi ed iniziano la classica giostra di prestiti nelle annate successive. Non a caso, il club è sempre nei primi posti della classifica relativa al maggior numero di calciatori tesserati e come se non bastasse resta sempre attivo sul mercato. L’inversione di tendenza in questa stagione risiede nel puntare su nomi di categoria, esperti e non semplici scommesse.

Per questo, l’arrivo di Zappacosta, Pjaca – entrambi a segno con il Crotone, sarà un caso? – e Badelj rubano l’occhio e rendono la squadra ancor più competitiva. Nella prima uscita stagionale, Maran ha predicato ed ottenuto quell’intensità tipica delle sue squadre, che sopperiscono con la corsa alla qualità inferiore rispetto alle corazzate della Serie A. Organizzazione e maggiore qualità rispetto alle contendenti dirette, però, potrebbero rappresentare l’arma in più per il prosegue della stagione. Sentenziare due giorni dopo l’esordio è ingeneroso, tuttavia se il buongiorno si vede dal mattino, in casa Genoa si vivrà una stagione diversa dal solito.