in

Gerard Deulofeu: “Milan? Ho scelto l’Udinese”

Deulofeu, attaccante dell'Udinese
Deulofeu, attaccante dell'Udinese

A poche ora dalla gara contro il Milan, l’attaccante spagnolo dell’Udinese Deulofeu si è esposto in un’intervista alla Gazzetta dello Sport raccontando i contatti avvenuti quest’estate.

Gerard Deulofeu e il Milan, una storia d’amore sbocciata nel gennaio del 2017 e conclusa in estate, nonostante le ottime prestazioni dell’ex Barcellona, con il club rossonero che non era riuscito a raggiungere un accordo con il club blaugrana per l’acquisto definitivo del giocatore e le strade tra i due si sono separate. Deulofeu è stato definito come uno dei più grandi talenti del Barcellona quando ai tempi militava nella cantera del club, già famosa per i talenti sfornati negli anni; Gerard sembrava un predestinato, poi però ha subito un declino inaspettato.

Poco, pochissimo spazio al Barcellona, tantissimi prestiti in cui il giocatore non è mai riuscito a trovare la continuità necessaria per potersi esprimere al meglio. Il giocatore ha girato l’Europa passando dal Barcellona al Siviglia in Spagna e dall’Everton al Watford in Inghilterra, indubbiamente però la sua esperienza più significativa è stata in Italia, con il Milan, ai tempi allenato da Vincenzo Montella.

Dopo ben tre anni e mezzo di distanza, il talento spagnolo nell’ultima sessione ha voluto fortemente il ritorno in Italia per dare una svolta alla sua carriera; nonostante tutte le voci che lo portavano ad una big, tra cui i rossoneri, il giocatore alla fine ha scelto di approdare all’Udinese per trovare la giusta continuità. Queste le sue parole: Il Milan? Era un’opzione, come lo è stato il Napoli e altre big. Poi si è deciso per Udine perché a me serve giocare con continuità per tornare al mio livello. Io vivo per il calcio e voglio giocare, stare in panchina non mi piace. Se non gioco non sono felice. Non vedo l’ora di affrontarli, stanno facendo molto bene, anche con Ibrahimovic. Ma sono convinto che se giochiamo con più intensità possiamo vincere anche perché dobbiamo fare punti. A me importa il presente per costruire il futuro. La discontinuità mi ha frenato. Non sono stato regolare, ora c’è la maturità”.

Sullo stesso argomento
Milan, Kessiè rinnova: fissato l'incontro

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *