Germania-Ungheria 2-0 Naglesmann soddisfatto: obiettivo primo posto

La Germania ottiene l'accesso agli ottavi di finale, dopo la vittoria per 2-0 contro l'Ungheria: un Nagelsmann soddisfatto, non perde comunque di vista l'obiettivo del primo posto

Lorenzo Ferrai A cura di Lorenzo Ferrai GermaniaCampionato Europeo

Tre punti d’oro per la Germania, prima qualificata agli ottavi di finale. I padroni di casa vincono 2-0 contro l’Ungheria con i gol di Musiala e Gundogan, che permettono alla Mannschaft di ottenere il pass per la fase a eliminazione diretta. Successo che interessa anche l’Italia, impegnata domani (20 giugno) contro la Spagna, visto che la seconda classificata del gruppo B potrebbe incontrare i tedeschi ai quarti.

Pur senza brillare, Nagelsmann conquista una vittoria importantissima, come testimoniato dallo stesso CT tedesco nella conferenza stampa post gara. Il CT teutonico ha espresso tutta la propria soddisfazione per il risultato, anche se non perde di vista l’obiettivo della Mannschaft: “Il primo obiettivo è quello di vincere il girone“. Parole chiare, con la Germania che avrebbe un tabellone più soft in caso di passaggio da capolista.

Nagelsmann punta infatti a fare bottino: “Posso assicurare che non ci saranno sette cambi nella formazioni iniziale della prossima partita contro la Svizzera. Ma ci serve più ritmo. Siamo nel mezzo di un processo di maturazione, ad ottobre. L’Ungheria è una squadra scomoda, ma siamo stati bravi a restare equilibrati per gran parte dei novanta minuti: queste partite vanno vinte, siamo contenti di essere riusciti. Nel secondo tempo abbiamo controllato, dopo il raddoppio li abbiamo chiusi bene“.

Musiala e Gundogan le stelle tedesche

Come detto, anche senza mettere in campo una prestazione indimenticabile, la Germania chiude la pratica Ungheria grazie ai gol di Musiala e Gundogan, che garantiscono ai tedeschi il passaggio agli ottavi con un turno di anticipo. Nagelsmann è stato interpellato sull’importanza del fantasista del Bayern Monaco, che ha stappato la partita a metà primo tempo: “Ha fatto benissimo nelle prime due partite, non solo per i gol segnati. È sempre complicato contrastarlo quando è in possesso in fase offensiva“.

Nonostante la giovane età, Musiala ha confermato la propria importanza nell’undici tedesco, ricevendo anche gli elogi dello sesso Nagelsmann: “È importante che non senta la pressione, deve pensare solamente a sfruttare le sue capacità per risolvere ogni situazione a suo favore. Dovrebbe giocare sempre come se fosse al campetto in Germania o in Inghilterra“.

Il CT tedesco ha rivolto un pensiero anche a Gundogan, protagonista contro l’Ungheria con un assist e un gol. Nagelsmann ha dispensato parole di stima verso il capitano della Mannschaft: “Ha lavorato tantissimo, ha cercato di guidare e controllare la partita. È sempre stato in contatto con noi a bordocampo. È un giocatore molto intelligente, abbiamo molta fiducia in lui. È stato il capitano del Manchester City quando hanno vinto il campionato, risultando uno dei migliori. Dobbiamo spingerlo tutti insieme“.