in

Benevento-Napoli, Lorenzo risponde a Roberto Insigne: fratelli con un sogno nel cassetto

Roberto e Lorenzo Insigne, attaccanti di Benevento e Napoli
Roberto e Lorenzo Insigne, attaccanti di Benevento e Napoli

Il Napoli, dopo l’inaspettato Ko di Europa League, torna al successo in campionato nel derby campano contro il Benevento. La gara del Ciro Vigorito viene decisa da un gol di Andrea Petagna che ruba la scena ai fratelli Insigne, protagonisti del match fino a quel momento. Una vittoria che lancia i partenopei al secondo posto, un pareggio, quello della sfida familiare tra i due fratelli, che entusiasma gli appassionati e ci riporta al 4 dicembre 1949 quando, in occasione di un Inter-Lazio, i fratelli ungheresi Istvan e Ferenc Nyers realizzarono un gol a testa, con due maglie diverse.

Vittoria per il Napoli, pareggio tra i due fratelli: a Roberto risponde Lorenzo, anche se il Var ha in un certo senso influenzato la sfida familiare tra i due, annullando il gol del momentaneo pareggio di Insigne senior per fuorigioco. Forse è anche meglio così, un premio di consolazione per l’attaccante del Benevento che ha giocato ad armi pari con il Fratellone che ha dimostrato di essere comunque di un’altra categoria con una perla da guardare e riguardare. Politano e Petagna hanno poi fatto il resto.

LEGGI ANCHE

Due carriere diverse quelle dei due ragazzi di Frattamaggiore: Lorenzo Insigne, assoluto protagonista e Capitano del Napoli, fedele da sempre alla causa partenopea; Roberto Insigne, cresciuto anche lui nelle giovanili del Napoli, con esordio in Europa League e in Serie A sotto la gestione Mazzarri, ma mai al centro del progetto azzurro. Insigne Junior, costretto ad emigrare verso piazze minori, riesce comunque a mettersi in mostra: Perugia, dove conquista un campionato di Lega Pro, Reggina, dove realizza 9 reti in 32 presenze, e poi Avellino, Latina e soprattutto Parma con cui conquista una storica promozione in massima serie, per poi passare al Benevento in Serie B.

Roberto Insigne, attaccante del Benevento
Roberto Insigne, attaccante del Benevento

Con la maglia della Strega Roberto vive il miglior momento della sua carriera, taglia per la prima volta il traguardo dei dieci goal stagionali e riporta il club sannita in massima serie dopo due anni di Purgatorio. Con mister Pippo Inzaghi c’è un ottimo feeling, Roberto ha praticamente giocato tutte le gare di campionato fin qui, ad eccezione del match casalingo contro il Bologna, ed ha ripagato la fiducia del proprio allenatore siglando il primo goal in Serie A contro la sua squadra del cuore, il Napoli di suo fratello Lorenzo. Il sogno è di giocarci insieme un giorno, un sogno che Roberto coltiva fin da bambino. È già successo il 13 gennaio 2013 in un Napoli-Palermo e chissà che possa accadere di nuovo in futuro, ma questa volta per restare nel capoluogo campano, senza gironzolare di qua e di là.

Matthijs De Ligt, difensore della Juventus

Juventus, vietato sbagliare contro il Verona! Pirlo attende Ronaldo e riabbraccia De Ligt?

Gaetano Castrovilli, centrocampista della Fiorentina

Fiorentina-Udinese 3-2: Okaka mette i brividi, ma la Viola torna al successo