in

Inter, Eriksen: “Non sognavo questo, ma decide Conte”

Christian Eriksen, centrocampista dell'Inter @imagephotoagency
Christian Eriksen, centrocampista dell'Inter @imagephotoagency

A quasi un anno di distanza e con quasi 20 milioni di euro in meno nelle casse interiste, potremmo dire che Cristian Eriksen è stata solo una semplice occasione di mercato. Le opportunità vanno sapute cogliere e Marotta in questo è sempre stato un passo avanti rispetto ai suoi colleghi ma questa volta, forse, il suo allievo, Fabio Paratici, ha fatto il vero colpo di mercato comprando Kulusevski.

Una mera occasione di mercato, quindi. Si, forse sì perché Eriksen era un giocatore a scadenza che avrebbe potuto dare quel pizzico di imprevedibilità ad una squadra che brilla per intensità e carisma ma alla quale manca la giocata illuminante negli ultimi 20 metri di campo. Il ruolo di Eriksen sarebbe dovuto essere quello del giocatore in grado di sorprendere la difesa avversaria con un tocco, una giocata o un passaggio filtrante ma l’unica cosa ad aver sorpreso, in negativo, i tifosi dell’Inter è stato il suo scarso utilizzo.

Decide il mister – ha detto a TV2 dal ritiro della Nazionale – ma tanti tifosi vorrebbero vedermi in campo”. Tutti i torti, in effetti, non li avrebbero ma Eriksen in questo anno scarso di campionato italiano non è sembrato neanche il cugino di terzo grado del giocatore conosciuto prima in Olanda e poi in Inghilterra. Il futuro, infatti, proprio per questo non sembra a lunga gittata, anzi. Il mercato? Vedremo cosa succederà. Per ora resto all’Inter” e già in queste poche parole potrebbe leggersi quel pizzico di rammarico e di rassegnazione che starebbe costringendo il danese a rimanere dove, forse, crede di non poter dare di più.

Vota Articolo

620 points
Upvote Downvote
Ciro Immobile attaccante della Lazio

Lazio, Pulcini non chiarisce: la Procura indaga

Donnarumma (Milan)

Milan, ora si trema: le richieste di Calhanoglu e Donnarumma